Translate

mercoledì 18 gennaio 2017

Un ex oppositore siriano rivela il lato nascosto dei "ribelli" appoggiati dalle Monarchie del Golfo e dall'Occidente

Un ex oppositore siriano rivela il lato nascosto dei ribelli appoggiati dalle Monarchie del Golfo e dall'Occidente

È tornato in Siria l'oppositore Nawaf Bashir e non risparmia le sue rivelazioni circa

 il lato nascosto dell'opposizione siriana appoggiata dagli Stati del Golfo e dalle 

potenze occidentali.

Come riporta Al Manar, Bashir non è un oppositore qualsiasi, ma è uno degli estensori della Dichiarazione di Damasco, una delle prime istanze dell'opposizione siriana emersa nel 2005.

Egli è anche il capo di una grande tribù siriana, Bakkarat, il cui numero di membri è di circa un milione secondo alcune stime.

Nel 2011, ha presto raggiunto le fila dell'opposizione durante lo scoppio della crisi siriana e ha lasciato la Siria per la Turchia nel 2012, ritornando agli inizi di quest'anno.

In un'intervista con il canale televisivo arabo al-Mayadeen, ha spiega che ha deciso di tornare in patria dopo aver scoperto l'entità del complotto contro la Siria.

Secondo lui, molti avversari hanno ben visitato Israele e "credevano di essere diventati eroi".

"Alcuni agenti sono stati liquidati in Turchia e molti di loro vogliono tornare in Siria", ha aggiunto.

I legami pericolosi con al-Qaeda

Bashir ha anche rivelato i legami tra il ramo di al Qaeda in Siria e  "l'opposizione moderata"

Bashir ha accusato l'ex premier Riad Hijab di aver ottenuto dal Qatar la somma di 47 milioni di dollari che è stato poi data al ramo di Al Qaeda in Siria, il Fronte al-Nosra, rinominato Fateh al-Sham, per lanciare l'assalto contro la città di Aleppo.

Facendo riferimento alla corruzione dilagante all'interno dell'opposizione siriana, soprattutto tralei più importanti personalità che risiedono in Turchia, ha accusato colui che ha presieduto la coalizione dell'opposizione siriana, senza nominarlo, di aver rubato la somma di 116 milioni di dollari, prima di fuggire in un paese arabo per fondare un suo partito.

Ha ricordato anche il caso di un altro ufficiale che ha rubato 18 milioni di dollari ed è fuggito in Gran Bretagna dove ha preso la cittadinanza britannica ed è ancore ancora sconosciuta il destino di 51 milioni di dollari scomparsi dalla cassa della Coalizione. Per non parlare delle armi fornite ai ribelli che sono stati rivenduti.

L'ex oppositore siriana ha anche riportato il caso di Nazir al-Hakim, un membro della coalizione accusato di aver consegnato falsi passaporti ai siriani che volevano andare in Siria, fra i quali miliziani di ISIS e Nosra.

Secondo Bashir, l'Arabia Saudita ha ridotto il suo sostegno all'opposizione siriana, mentre il Qatar continua con forza.

La morsa dei Fratelli Musulmani

"Gli aiuti che vengono spediti in nome del popolo siriano vanno direttamente nelle casse dei Fratelli Musulmani che utilizzano sia al Qaeda che al-Nosra mentre passano come una forza moderata, ricevono armi e preparano le loro forze per la battaglia oltre a pensare solo prendere il potere ", ha anche rivelato Bashit.



In una precedente intervista, ha indicato che i Fratelli musulmani hanno avuto il controllo di tutte le unità dell'opposizione siriana, assicurando che tutti coloro che non erano dei suoi gruppi di opposizione non potevano occupare posizioni importanti sia all'interno Coalizione che nell'Alto Commissariato per i negoziati.

Agenda estera fin dall'inizio

In un'altra intervista con il canale iraniano in lingua araba Al-Alam, ha rivelato che l'opposizione siriana stava seguendo un ordine del giornoestero, ed è per questo che non poteva fare un dialogo nazionale che il presidente siriano Bashar al-Assad proposto all'inizio del movimento di protesta nel 2011.

"Ci sono stati i primi ordini del giorno stranieri, gente che ha pagato i manifestanti per spingerli a portare armi ... questo è il motivo per cui le cose hanno deviato dal loro percorso: da manifestazioni pacifiche per la creazione dello stato di cittadinanza e della democrazia, a dimostrazioni armate e quindi alla catastrofe che il popolo siriano stanno ora pagando il prezzo."

Ha ricordato che ogni volta che il governo siriano ha proposto una bozza di soluzione politica in linea con le richieste popolari, le proteste sono esplose rifiutando il dialogo.

Bashir ha anche rivelato l'esistenza di 800 fazioni in Siria. "Questo significa che ci sono 800 principati, ogni dei quali controlla da 20 a 30 paesi o regioni e sono finanziati da Arabia Saudita e Qatar e da altre parti", ha lamentato.

Il Saccheggio del Free Syrian Army

Bashir ha anche svelato il saccheggio delle istituzioni dello Stato nelle regioni controllate dal Free Syrian Army, prima milizia ad aver preso le armi e  attualmente in lotta sulla scia dell'offensiva turca nel nord della Siria "Scudo di dell'Eufrate" .

"Era (FSA) presente in molte regioni siriane, ma è stato in grado di presentarsi come riferimento per i cittadini. Le fabbriche, le ferrovie, e le istituzioni statali sono state saccheggiate e derubate come bottino di guerra, in quanto proprietà del popolo siriano devono essere restituite e non tornare a individui o gruppi armati,", ha concluso.
 

Fonte: Al Manar
http://www.lantidiplomatico.it/dettnews-un_ex_oppositore_siriano_rivela_il_lato_nascosto_dei_ribelli_appoggiati_dalle_monarchie_del_golfo_e
_dalloccidente/82_18627/

1 commento: