Translate

martedì 19 settembre 2017

IL VANGELO DELLA VERITA' NELLA CHOKHMA'


LA VERITA'

1.) Il Vangelo della Verità è gioia per coloro che hanno ricevuto dal Padre della Verità la grazia di conoscere Lui per mezzo della potenza della Sapienza, uscito dal Pleroma Il termine significa pienezza, e viene usato sia in contesti gnostici che in contesti cristiani (Colossesi 2,9),  e immanente nel Pensiero e nella mente e nel cuore del Figlio dell'Uomo che il Padre Eterno gli ha trasmesso il terzo giorno dopo il Suggellamento. Questi è colui che è chiamato "il Salvatore, il figlio si presenta all'umanità come Soccorritore Giovanni 16:7 nel 5756-1996 al suo suggellamento interpretando la scrittura della Apocalisse 2:17 citando il versetto della Torà ne da il giusto e corretto interpretazione Sacerdotale e Regale", perché tale è il nome dell'opera che egli deve compiere per la salvezza di coloro che non hanno conosciuto il Padre. Perciò il termine "vangelo" è rivelazione di speranza: esso è una scoperta per coloro che cercano Lui, Il Padre attraverso il Figlio; Egli è il Figlio con la Shekina La sua etimologia è connessa al verbo שכנ (sciakhàn), dimorare, e può essere resa letteralmente come "dimora", "abitazione",sulla terra che è l'abitazione attuale negli Ultimi Giorni del Vero Messia 


2.) Il Tutto si è dato alla ricerca di Lui, dal quale è uscito. Il Tutto si trovava dentro di Lui, l'inafferrabile, l'impensabile, al di sopra di ogni concetto come Apocalisse 2:17 Manna Nascosta dal Nome che nessuno conosce tranne colui che lo Riceve, questa frase è la prova che il Figlio ha il nome legato al tetragramma di Dio con la profezie della scala di Giacobbe che ne determina il Nome([56] Si deve sapere che Dio fece e plasmò Adamo nello stesso luogo in cui nacque Giaele non ebreo, con il suggellamento Messianico e là il corpo di Adamo fu fatto con il
fango che gli angeli, cioè Michele, Gabriele, Raffaele e Uriel e portavano dai quattro angoli della terra. E quella terra era candida e pura come il sole, bagnata da quattro fiumi, cioè il Gihon, il Fison, il Tigri e l'Eufrate; e l'uomo fu creato ad immagine di Dio, e (Dio) alitò sul suo volto il soffio della vita, cioè l'anima. E com'è bagnato da quattro fiumi, così il respiro gli è stato fornito da(i) quattro venti.
[57] Adamo era già stato creato ma non aveva ancora ricevuto un nome, quando il Signore disse ai quattro angeli di cercargli un nome. E Michele si diresse ad oriente, dove vide la stella orientale di nome Ancoli, e ne prese la prima lettera. Gabriele si diresse a Sud, dove vide la stella meridionale di nome Disis, e ne prese la prima lettera; Raffaele andò a Nord, dove vide la stella settentrionale di nome Arthos, e ne prese la prima lettera; Uriele si recò ad occidente, dove vide la stella occidentale di nome Mencembrion (?), e ne prese la prima lettera. Una volta che ebbero portato queste lettere, il Signore disse ad Uriele: "Leggi queste lettere"; ed egli le lesse e pronunciò: "Adamo". E il Signore disse a sua volta: "Sia questo il suo nome Giaele". e l'incontro tra padre e Figlio negli Ultimi Giorni. E l'ignoranza a proposito del Nome ad esso gli è stata negata sino all'incontro con il Padre Celeste YHWH così Dio Rivela:
Yah'El come Re dei Re Sacerdote dei Sacerdoti
El'Yah come Profeta Enoch come profeta antidiluviano addestrato da Metatron che sulla terra è il Figlio dell'Uomo un profeta ancor più grande di Mosè ma negli Ultimi Giorni.

Esodo 23

 21 Davanti a lui comportati con cautela e ubbidisci alla sua voce. Non ribellarti a lui, perché egli non perdonerà le vostre trasgressioni; poiché il mio nome è in lui.


e opere il Figlio con abbreviativi al femminile di ciò che è' maschile traendolo dalle ultime lettere che gli angeli hanno nei loro nomi dando così cariche personalmente nell'incontro finale tra Dio ed il Figlio dell'uomo che è il Figlio di Dio stesso venuto sulla terra per guidare l'umanità al Tiqqun riportare l'umanità dalla prigionia dell'imperfezione alla Perfezione che solo Dio stesso può ridare per correggere l'Umanità ad esso."Vedrete il Cielo Aperto" al momento giusto avrete la Rivelazione Piena della vera Interpretazione Apocalittica dei grandi profeti scoprendo il vero collegamento tra Cielo e Terra come dicono i versetti sottostanti alche il Vero Nome del Figlio dell'Uomo
come Profeta e Figlio dell'Uomo, i cui nomi vengono rappresentati con questa Pietra: "Luce" o "Pietra preziosa" (zaffiro, sapir). Qui le Sefirot sono dei centri d'irradiamento di un'energia superiore, puro riflesso della coscienza Divina. Esse sono dei fari-guida lungo il cammino di crescita morale e spirituale, sono delle pietre preziose che arricchiscono  enormemente la natura di colui che le scopre, e sa assorbire e mettere in pratica i loro insegnamenti, ed esse nelle scritture vengono usate per simboleggiare i nomi nascosti del Figlio dell'Uomo come Pietra di Zaffiro e anche come Profeta due nomi nettamente diversi ma hanno lo stesso significato ed hanno la stessa pietra che li Rappresenta la pietra di Zaffiro sul Germoglio Giusto.

Sefer Ha-Zohar,
3.) Questo non ha comportato un'umiliazione per Lui, l'inafferrabile, l'impensabile, perché l'angoscia, l'oblio e la finzione dell'Errore non erano nulla, mentre la Verità è salda, inalterabile, e non suscettibile di bellezza. Disprezzate pertanto l'Errore. Così è di esso: non avendo radice, si è trovato immerso in una nebbia, a proposito del Padre, dedicandosi a preparare opere, oblii e terrori per fuorviare quelli del mezzo e farli prigionieri. Ma l'oblio che è proprio dell'Errore non era manifesto: l'oblio non è entrato nell'esistenza per mezzo del Padre, benché sia stato generato a causa di lui. Invece, ciò che è entrato nell'esistenza per mezzo del Padre è la conoscenza, la quale fu manifestata perché l'oblio scomparisse ed essi potessero conoscere il Padre. L'oblio infatti esisteva perché essi non conoscevano il Padre. Ma appena il Padre sarà conosciuto, immediatamente l'oblio non esisterà più.Sino ad un certo punto perché quando quando il figlio arriva alla Sapienza di Dio facendo progresso con arcangeli che il Padre gli ha mandato per addestralo al grande giorno Prima al ricercare la Sapienza che è il primo Principio poi verso i 32 sentieri della Sapienza tutto ha inizio nel Marzo del 5750 anno Ebraico, 1990 calendario solare con l'apparizione dell'Arcangelo Gabriele che lui riconosce e l'Arcangelo da determinate istruzione prima di Ricercare la Sapienza mediante insegnamento Salomonico poi dentro quella religione dovevo trovare un qualcosa del Figlio un sassolino bianco con il nome che mi era stato dato allora il Figlio chiese la Forza perché potesse avere per cercare tutto nei tempi da Dio Richiesti per arrivare alle mete prescritte da Dio e tutto in 5 anni poi altri due per determinarne l'uscita nel Luglio del 5758-1998 alle 20.30 per una dissociazione,la setta dei TG ha tenuto dentro il Figlio e per due anni, il suggellamento nel 5756-1996 con l'apparizione dell'Onnipotente al Messia sulla terra dove lui viene Nominato con rituale del L'unzione nella tradizione biblica consisteva nel versare sulla all'Eletto dell'olio consacrato dalla dimensione Divina perché questo  .
Essa è riservata ai Re ed ai Sacerdoti e tra questi, in particolare, al Sommo Sacerdote che diviene Re dei Re Sacerdote dei Sacerdoti Sommo Sacerdote.
(Il Vero Pastore di nome che è Legato al Tetragramma di YHWH - Yah'El), che attraverso l’esempio di Mosé fornisce le regole di condotta, il Midrash HaNeelam (L’Esposizione Recondita), che spiega i metodi di esegesi biblica attraverso la Gematria (La Ghimatriahghematriahghematria o gematria (in ebraico:גימטריא/גימטריה?traslitt. gēmaṭriyā) è un sistema ebraico di numerologia che studia le parole scritte in lingua ebraica e ne assegna i valori numerici, affermando che parole e/o frasi con un valore numerico identico siano correlate, o dimostrino una qualche relazione col numero stesso, applicato per esempio all'età di una persona, ad un anno del calendario ebraico o simili. È uno dei metodi di analisi utilizzati nella Cabala. Uno degli esempi migliori di ghimatriah è la parola ebraica Chai חַי ("vivente"), composta da due lettere che (usando le assegnazioni della tabella Mispar gadol riportata più sotto) assommate danno come risultato il numero 18. Questo ha reso il 18 un "numero fortunato" tra gli ebrei e vengono spesso regalati doni che siano multipli di 18); ed altri sistemi di permutazione delle lettere, le Tosefta (Aggiunte)La Tosefta La Tosefta (talmudica aramaico:. תוספתא Additions, integratori), è una raccolta di legge orale ebraica dal periodo tardo secondo secolo, il periodo della Mishnah.(talmudica aramaico:. תוספתא Additions, integratori), è una raccolta di legge orale ebraica dal periodo tardo secondo secolo, il periodo della Mishnah La parola mishnah proviene dalla radice ebraica š-n-h (in ebraico:שנה ?), collegata con il campo semantico del "ripetere" (quindi anche "studiare", "insegnare"),suggerisce ciò che è imparato a memoria, per ripetizione, e designa l'insieme della Torah orale e il suo studio, in opposizione a Miqrà, che si riferisce alla Bibbia ebraica e al suo studio. Può anche designare l'insieme della halakhah (parte legislativa) o ancora una forma d'insegnamento di quella, che non parta dal testo biblico, ma dalle sentenze dei Maestri della tradizione, riguardo a problemi concreti.(Aggiunte), che integrano i commentari dello Zohar, con riferimenti alle Sephiroth Sephirot, Sephiroth, Sefiroth o Sefirot (סְפִירוֹת), singolare: Sephirah, o anche Sefirah (סְפִירָה, "enumerare" in lingua ebraica). La parola Sefirot è connessa, secondo il Sefer Yetzirah, con sefer (scrittura),sefar (computo) e sippur (discorso), che derivano dalla stessa radice SFR. Il significato basilare viene reso come emanazioni: le Sefirot nella Cabala ebraicasono le dieci modalità o gli "strumenti" di Dio (a cui ci si riferisce con אור אין סוף Or Ein Sof, "Luce Senza Limiti") attraverso cui l'Ein Sof (l'Infinito) si rivela e continuativamente crea sia il reame fisico che la Catena dei Reami metafisici superiori (Seder hishtalshelus) , le Hekaloth  il testo Sefer haZohar intende ipalazzi celesti a cui si ha accesso per concessione divina: il riferimento verte sull'esistenza del Regno celeste di Dio . La loro descrizione, tramandata da Rabbi Shimon bar Yochay, fa parte della Torah celesteIl genere della Letteratura Heikhalot si sovrappone alla letteratura Merkavah o del "Carro" Ma a cosa serve il Carro? a trasportare il Figlio dell'Uomo sulla terra o dimensione per dimensione dove deve apparire la Massima Autorità per Volere Divino, relativa al carro di Ezechiele, così i due generi sono a volte indicati insieme come "Libri dei Palazzi e del Carro" (ספרות ההיכלות והמרכבה - seforim haHeikhalot ve haMerkavah). La letteratura Heikhalot è un genere di testi ebraici esoterici e rivelatori, prodotti tra la tarda antichità - alcuni credono dai tempi del Talmud o precedenti - ed il primo Medioevo.(Le Stanze, o Palazzi), in cui sono raffigurate le dimore celesti, l’inferno, il paradiso, i vari gradi di spiriti celesti ed il modo in cui questi interagiscano con l’uomo, l’Idra Rabba Qadusha,che espandono i concetti del Sifra Detzniyutha).

Abbiamo imparato: Il Libro di CIO’ Che è Nascosto è il libro dell’equilibrio del peso. Finché NON [Lo] esistette come peso, NON esisteva come nella visione Faccia a Faccia con Dio YHWH ed il Seme che Lui ha Generato il Figlio dell'Uomo Yah'El; E i Re Primordiali morirono quando le loro corone NON furono trovate, e la Terra fu nullificata affinché potessero rinascere negli Ultimi Giorni come Regno Messianico, finché la Testa desiderata da tutti i desideri formò e comunicò i rivestimenti di splendore.[Rosh, Rosh haShana, Rosh HaShanà o Rosh haShanah (in ebraico ראש השנה, letteralmente capo dell'anno) è il capodanno religioso, uno dei tre previsti nel calendario ebraico.


4.) E questo è il Vangelo di colui che è cercato sulla terra il Figlio dell'uomo; Vangelo del Messia rivelato ai perfetti, mistero nascosto(Apocalisse 2:17
Chi ha orecchi ascolti ciò che lo Spirito dice alle congregazioni
A chi vince io darò della Manna Nascosta e un Sassolino bianco, sulla quale è scritto un nome nuovo che nessuno conosce, se non colui che lo riceve : Scrittura della Torà altamente Sapienziale e Spirituale come ricevere il Primo Principio la Sapienza.

Esodo 23: 21 Davanti a lui comportati con cautela e ubbidisci alla sua voce. Non ribellarti a lui, perché egli non perdonerà le vostre trasgressioni; poiché il mio nome è in lui.E questo è il Messia l'Eletto, il Figlio dell'Uomo, il Germoglio di Giustizia.

Geremia 23:5-6; Geremia 33:15-16

Isaia 62

La salvezza di Gerusalemme

1 Per amor di Sion io non tacerò,per amor di Gerusalemme io non mi darò posa,finché la sua giustizia non spunti come l'aurora,
la sua salvezza come una fiaccola fiammeggiante.2 Allora le nazioni vedranno la tua giustizia,tutti i re la tua gloria;sarai chiamata con un nome nuovo,che la bocca del SIGNORE pronuncerà;3 sarai una splendida corona in mano al SIGNORE,
un turbante regale nel palmo del tuo Dio.
", per la misericordia del Padre. Per mezzo di esso, egli ha illuminato coloro che erano nelle tenebre a causa dell'oblio. Li ha illuminati e ha mostrato loro la Via. E la Via è la verità che egli ha insegnato loro. Per questo motivo l'Errore si è irritato con lui, l'ha perseguitato, l'ha oppresso e l'ha annientato. Egli è stato inchiodato ad un legno ed è divenuto frutto della conoscenza del Padre, senza causare rovina per il fatto che se ne è mangiato. Anzi, chi ne ha mangiato lo ha fatto gioire per la scoperta.


5.) Egli ha trovato loro in se stesso, ed essi hanno trovato in sé Lui, l'inafferrabile, l'impensabile, il Padre. Questi è la perfezione: è quello che ha prodotto il Tutto, in cui il Tutto si trova e di cui il Tutto ha bisogno, poiché egli ne ha tenuto in se stesso la perfezione, quella che non ha concesso al Tutto. Non che il Padre fosse geloso: quale gelosia ci può mai essere tra Lui e le sue membra? Ma se "l'eone-Perfetto" presente avesse ricevuto la loro perfezione, esse non si rivolgerebbero al Padre, il quale conserva in se stesso la loro perfezione e la concede loro perché ritornino a lui e lo conoscano con una conoscenza approfondita in Sapienza Divina con la maturità della Sapienza ed i 32 Sentieri di esse perché essa è unica in perfezione. Egli è colui che ha prodotto il Tutto, in cui il Tutto esiste e di cui il Tutto ha bisogno. 

Le parole “sapienza ” e “saggezza” 
Proverbi 4 La saggezza si acquista
Figlioli, ascoltate l'istruzione di un padre, state attenti a imparare il discernimento;perché io vi do una buon insegnamento;non abbandonate il mio insegnamento nella Sapienza.Quand'ero ancora bambino presso mio padre,tenero e unico presso mia madre, egli mi insegnava dicendomi:«Il tuo cuore conservi le mie parole;osserva i miei comandamenti e vivrai;acquista saggezza, acquista intelligenza;non dimenticare le parole della mia bocca e non te ne sviare;non abbandonare la saggezza,ed essa ti custodirà;
amala, ed essa ti proteggerà;il principio della saggezza è:
Acquista la saggezza;sì, a costo di quanto possiedi, acquista l'intelligenza;
esaltala, ed essa t'innalzerà;essa ti coprirà di gloria quando l'avrai abbracciata;9  essa ti metterà sul capo un fregio di grazia,ti farà dono di una corona di gloria».10 Ascolta, figlio mio, ricevi le mie parole,e anni di vita ti saranno moltiplicati.
11 Io ti indico la via della saggezza, ti avvio per i sentieri della rettitudine.
12 Se cammini, i tuoi passi non saranno raccorciati,e se corri, non inciamperai.
13 Afferra saldamente l'istruzione, non lasciarla andare; conservala, perché essa è la tua vita.
14 Non entrare nel sentiero degli empi e non t'inoltrare per la via dei malvagi;15 schivala, non passare per essa;allontanatene, e va' oltre.
16Essi infatti non possono dormire, se non hanno fatto del male;il sonno è loro tolto, se non hanno fatto cadere qualcuno.
17Essi mangiano il pane dell'empietà e bevono il vino della violenza;18 ma il sentiero dei giusti è come la luce che spunta e va sempre più risplendendo, finché sia giorno pieno.
19La via degli empi è come il buio;essi non scorgono ciò che li farà cadere.
20Figlio mio, sta' attento alle mie parole, inclina l'orecchio ai miei detti; 21 non si allontanino mai dai tuoi occhi, conservali in fondo al cuore; 22 poiché sono vita per quelli che li trovano,
salute per tutto il loro corpo.
23Custodisci il tuo cuore più di ogni altra cosa, poiché da esso provengono le sorgenti della vita.
24Rimuovi da te la perversità della bocca, allontana da te la falsità delle labbra.
25I tuoi occhi guardino bene in faccia, le tue palpebre si dirigano dritto davanti a te.
26Appiana il sentiero dei tuoi piedi, tutte le tue vie siano ben preparate.
27Non girare né a destra né a sinistra, ritira il tuo piede dal male.
Proverbi 3 
La saggezza ricompensa

1Figlio mio, non dimenticare il mio insegnamento,e il tuo cuore custodisca i miei comandamenti,2 perché ti procureranno lunghi giorni,anni di vita e di prosperità.
3Bontà e verità non ti abbandonino;legatele al collo, scrivile sulla tavola del tuo cuore;
4troverai così grazia e buon senso agli occhi di Dio e degli uomini.
5Confida nel SIGNORE con tutto il cuore e non ti appoggiare sul tuo discernimento.
6Riconoscilo in tutte le tue vie ed egli appianerà i tuoi sentieri.
7Non ti stimare saggio da te stesso; temi il SIGNORE e allontanati dal male;
8questo sarà la salute del tuo corpo e un refrigerio alle tue ossa.
9Onora il SIGNORE con i tuoi beni e con le primizie di ogni tua rendita;
10 i tuoi granai saranno ricolmi d'abbondanza
e i tuoi tini traboccheranno di mosto. Confronta con Salmi 3428 Poiché il SIGNORE ama la giustizia e non abbandona i suoi santi;essi sono conservati in eterno;
ma la discendenza degli empi sarà sterminata. 29 I giusti erediteranno la terra e l'abiteranno per sempre.30 La bocca del giusto esprime parole sagge e la sua lingua parla con giustizia.
31 La legge di Dio è nel suo cuore; i suoi passi non vacilleranno.
32 L'empio spia il giusto e cerca di farlo morire.33 Il SIGNORE non l'abbandona nelle sue mani, e non lo condanna quando egli viene giudicato.
34 Spera nel SIGNORE e segui la sua via;egli ti esalterà perché tu possieda la terra,e veda lo sterminio degli empi. Proverbi 3:
11 Figlio mio, non disprezzare la correzione del SIGNORE,non ti ripugni la sua riprensione;
12 perché il SIGNORE riprende colui che egli ama,come un padre il figlio che gradisce.
13 Beato l'uomo che ha trovato la saggezza,l'uomo che ottiene l'intelligenza!
14 Poiché il guadagno che essa procura è migliore a quello dell'argento,il profitto che se ne trae vale più dell'oro fino.
15 Essa è più pregevole delle perle, quanto hai di più prezioso non l'equivale.
16 Lunghezza di vita è nella sua destra;ricchezza e gloria nella sua sinistra.
17 Le sue vie sono vie deliziose, e tutti i suoi sentieri sono pace.
18 Essa è un albero di vita per quelli che l'afferrano, e chi la possiede è beato.
19 Con la saggezza il SIGNORE fondò la terra, e con l'intelligenza rese stabili i cieli.
20 Per la sua scienza gli abissi furono aperti, e le nuvole distillano la rugiada.
21 Figlio mio, queste cose non si allontanino mai dai tuoi occhi!
Conserva la saggezza e la riflessione!
22 Esse saranno vita per l'anima tua e un ornamento al tuo collo.
23 Allora camminerai sicuro per la tua via e il tuo piede non inciamperà.
24 Quando ti coricherai non avrai paura; starai a letto e il tuo sonno sarà dolce.
25 Non avrai da temere lo spavento improvviso, né la rovina degli empi, quando verrà;
26 perché il SIGNORE sarà la tua sicurezza, e preserverà il tuo piede da ogni insidia.


6.) Come accade di qualcuno, che se altri non lo conoscono, egli suole desiderare che lo conoscano e lo amino, per la stessa ragione - e di che cosa il Tutto aveva bisogno se non della conoscenza del Padre? - egli si è fatto guida sollecita e sicura. Egli si è presentato in mezzo ai luoghi di istruzione, e ha insegnato la Parola come Maestro. Là si sono avvicinati a lui coloro che erano sapienti secondo la propria opinione, mettendolo alla prova, ma egli li ha confusi, perché essi erano sciocchi. Essi lo hanno odiato, perché non erano davvero assennati. Dopo costoro, si sono avvicinati a lui i piccoli, ai quali appartiene la conoscenza del Padre. Ammaestrati, essi appresero gli aspetti della faccia del Padre. Conobbero e furono conosciuti, glorificarono e furono glorificati; come i testimoni battezzati dal Figlio dell'Uomo per dare  testimonianza missionaria

Apocalisse 11 I due testimoni testimonianza missionaria Babilonia la Grande 1 Poi mi fu data una canna simile a una verga; e mi fu detto: «Alzati e misura il tempio di Dio e l'altare e conta quelli che vi adorano; 2 ma il cortile esterno del tempio, lascialo da parte, e non lo misurare, perché è stato dato alle nazioni, le quali calpesteranno la città santa per quarantadue mesi.

3 Io concederò ai miei due testimoni di profetizzare, ed essi profetizzeranno vestiti di sacco per milleduecentosessanta giorni. 4 Questi sono i due olivi e i due candelabri che stanno davanti al Signore della terra. 5 Se qualcuno vorrà far loro del male, un fuoco uscirà dalla loro bocca e divorerà i loro nemici; e se qualcuno vorrà offenderli bisogna che sia ucciso in questa maniera. 6 Essi hanno il potere di chiudere il cielo affinché non cada pioggia, durante i giorni della loro profezia. Hanno pure il potere di mutare l'acqua in sangue e di percuotere la terra con qualsiasi flagello, quante volte vorranno.
7 E quando avranno terminato la loro testimonianza, la bestia che sale dall'abisso farà guerra contro di loro, li vincerà e li ucciderà. 8 I loro cadaveri giaceranno sulla piazza della grande città, che simbolicamente si chiama Sodoma ed Egitto, dove anche il loro Signore è stato crocifisso. 9 Gli uomini dei vari popoli e tribù e lingue e nazioni vedranno i loro cadaveri per tre giorni e mezzo e non lasceranno che siano posti in sepolcri. 10 Gli abitanti della terra si rallegreranno di loro e faranno festa e si manderanno regali gli uni agli altri, perché questi due profeti erano il tormento degli abitanti della terra.
11 Ma dopo tre giorni e mezzo uno spirito di vita procedente da Dio entrò in loro; essi si alzarono in piedi e grande spavento cadde su quelli che li videro. 12 Ed essi udirono una voce potente che dal cielo diceva loro: «Salite quassù». Essi salirono al cielo in una nube e i loro nemici li videro. 13 In quell'ora ci fu un gran terremoto e la decima parte della città crollò e settemila persone furono uccise nel terremoto; e i superstiti furono spaventati e diedero gloria al Dio del cielo.
14 Il secondo «guai» è passato; ma ecco, il terzo «guai» verrà presto.

La settima tromba

15 Poi il settimo angelo suonò la tromba e nel cielo si alzarono voci potenti, che dicevano: «Il regno del mondo è passato al nostro Signore e al suo Cristo ed egli regnerà nei secoli dei secoli».
16 E i ventiquattro anziani che siedono sui loro troni davanti a Dio, si gettarono con la faccia a terra e adorarono Dio, dicendo: 17 «Ti ringraziamo, Signore, Dio onnipotente, che sei e che eri, perché hai preso in mano il tuo grande potere, e hai stabilito il tuo regno. 18 Le nazioni si erano adirate, ma la tua ira è giunta, ed è arrivato il momento di giudicare i morti, di dare il loro premio ai tuoi servi, ai profeti, ai santi, a quelli che temono il tuo nome, piccoli e grandi, e di distruggere quelli che distruggono la terra».

19 Allora si aprì il tempio di Dio che è in cielo e apparve nel tempio l'arca dell'alleanza. Vi furono lampi e voci e tuoni e un terremoto e una forte grandinata.

Daniele 7:9 Io continuai a guardare e vidi collocare dei troni, e un vegliardo sedersi. La sua veste era bianca come la neve e i capelli del suo capo erano simili a lana pura; fiamme di fuoco erano il suo trono, che aveva ruote di fuoco ardente. 10 Un fiume di fuoco scaturiva e scendeva dalla sua presenza; mille migliaia lo servivano, diecimila miriadi gli stavano davanti. Si tenne il giudizio e i libri furono aperti. 11 Io guardavo ancora, a motivo delle parole arroganti che il corno pronunciava; guardai fino a quando la bestia fu uccisa e il suo corpo distrutto, gettato nel fuoco per essere arso. 12 Le altre bestie furono private del loro potere; ma fu loro concesso un prolungamento di vita per un tempo determinato.13 Io guardavo, nelle visioni notturne, ed ecco venire sulle nuvole del cielo uno simile a un figlio d'uomo; egli giunse fino al vegliardo e fu fatto avvicinare a lui; 14 gli furono dati dominio, gloria e regno, perché le genti di ogni popolo, nazione e lingua lo servissero. Il suo dominio è un dominio eterno che non passerà, e il suo regno è un regno che non sarà distrutto. 
Apocalisse 12:10 Allora udii una gran voce nel cielo, che diceva: «Ora è venuta la salvezza e la potenza, il regno del nostro Dio, e il potere del suo Messia, perché è stato gettato giù l'accusatore dei nostri fratelli, colui che giorno e notte li accusava davanti al nostro Dio.


7.) Si è rivelato nel loro cuore il Libro della vita dei vivi (Proverbi 7:4 Di' alla sapienza: «Tu sei mia sorella»,e chiama l'intelligenza amica tua-Proverbi4:1 Figlioli, ascoltate l'istruzione di un padre,state attenti a imparare il discernimento;2 perché io vi do una buona dottrina;non abbandonate il mio insegnamento.
3 Quand'ero ancora bambino presso mio padre,tenero e unico presso mia madre,4 egli mi insegnava dicendomi:«Il tuo cuore conservi le mie parole;osserva i miei comandamenti e vivrai;5 acquista saggezza, acquista intelligenza;
non dimenticare le parole della mia bocca e non te ne sviare;6 non abbandonare la saggezza,ed essa ti custodirà;amala, ed essa ti proteggerà;7 il principio della saggezza è:Acquista la saggezza;sì, a costo di quanto possiedi, acquista l'intelligenza;8 esaltala, ed essa t'innalzerà;essa ti coprirà di gloria quando l'avrai abbracciata;
9 essa ti metterà sul capo un fregio di grazia,ti farà dono di una corona di gloria».)
, che è scritto nel Pensiero è nella Mente e nel cuore del Figlio per volere del Padre 3 giorni dopo il suggellamento nella Completezza Divina Commemorazione del 5756-1996 tre giorni dopo gli fu dato il pensiero di Dio nella Mente e nel Cuore, ancor prima della fondazione del Tutto gli fu dato e nascosto il nome"poiché il mio nome è in lui,Abbiamo imparato: Il Libro di CIO’ Che è Nascosto è il libro dell’equilibrio del peso. Finché NON [Lo] esistette come peso, NON esisteva come nella visione Faccia a Faccia con Dio YHWH ed il Seme che Lui ha Generato il Figlio dell'Uomo Yah'El; E i Re Primordiali morirono quando le loro corone NON furono trovate, e la Terra fu nullificata affinché potessero rinascere negli Ultimi Giorni come Regno Messianico, finché la Testa desiderata da tutti i desideri formò e comunicò i rivestimenti di splendore.[Rosh, Rosh haShana, Rosh HaShanà o Rosh haShanah (in ebraico ראש השנה, letteralmente capo dell'anno) è il capodanno religioso, uno dei tre previsti nel calendario ebraico.", era nella parte di lui che è incomprensibile, e che nessuno aveva possibilità di prendere, poiché era decretato che chi lo avrebbe preso sarebbe stato immolato. Nessuno poteva essere manifestato, di coloro che credevano nella salvezza, finché quel libro non avesse fatto la sua apparizione. Per questo motivo il misericordioso e fedele  ebbe compassione e accettò le sofferenze, perché sapeva che la sua morte e resurrezione quindi il suo Suggellamento  alla Commemorazione del 5756-1996 era vita per molti.



8.) Allo stesso modo che, fin quando un testamento non è ancora stato aperto, i beni del padrone rimangono nascosti, così era nascosto il Tutto, mentre era invisibile il Padre del Tutto, l'unico, l'esistente di per se stesso, colui dal quale procedono tutti gli spazi. Perciò è apparso e ha preso su di sé quel libro. e. Spogliatosi di questi cenci corruttibili, si è rivestito di incorruttibilità (1 Corinzi 15:50 Ora io dico questo, fratelli, che carne e sangue non possono ereditare il regno di Dio; né i corpi che si decompongono possono ereditare l'incorruttibilità confrontato con Apocalisse 7:1-9 i Primi per questo trasformazione sono gli Ultimi che rivestiranno la Nuova Gerusalemme ma il cambiamento lo riceverà chi farà parte della Grande Folla perché ne carne e sangue imperfetta erediterà il Regno con Nuovi cieli e Nuova Terra.
51 Ecco, io vi dico un mistero: non tutti morremo, ma tutti saremo trasformati, 52 in un momento, in un batter d'occhio, al suono dell'ultima tromba. Perché la tromba squillerà, e i morti risusciteranno incorruttibili, e noi saremo trasformati. 53 Infatti bisogna che questo corruttibile rivesta incorruttibilità e che questo mortale rivesta immortalità.
54 Quando poi questo corruttibile avrà rivestito incorruttibilità e questo mortale avrà rivestito immortalità, allora sarà adempiuta la parola che è scritta:
«La morte è stata sommersa nella vittoria».55 «O morte, dov'è la tua vittoria?
O morte, dov'è il tuo dardo?» Egli ha ricevuto nel Suggellamento con l'Unzione e la Vita Eterna aprendo la strada Eterna dove la morte cessa di esistere 

Apocalisse 2:11 Chi ha orecchi ascolti ciò che lo Spirito dice alle congregazioni. Chi vince non sarà colpito dalla morte seconda".)che nessuno ha la possibilità di levargli. Penetrato nei luoghi vuoti a causa del terrore e passato attraverso quelli spogli a causa dell'oblio, è divenuto conoscenza e perfezione, proclamando ciò che era nel cuore del Padre, per istruire chi era privo di insegnamento. 
.10 Ascolta, figlio mio, ricevi le mie parole,e anni di vita ti saranno moltiplicati.
 
11 Io ti indico la via della saggezza, ti avvio per i sentieri della rettitudine.Proverbi 4 : 
7 il principio della saggezza è:Acquista la saggezza;sì, a costo di quanto possiedi, acquista l'intelligenza;8 esaltala, ed essa t'innalzerà;essa ti coprirà di gloria quando l'avrai abbracciata;9 essa ti metterà sul capo un fregio di grazia,ti farà dono di una corona di gloria». Proverbi 9 L'invito della saggezza e l'invito della genialità o nella follia



9.) Quelli che ricevono l'insegnamento sono i vivi, iscritti nel libro della Vita. Essi ricevono l'insegnamento per se stessi e sono ricevuti dal Padre quando nuovamente si rivolgono a Lui. Infatti la perfezione del Tutto si trova nel Padre ed è necessario che il Tutto risalga a lui. Pertanto, se uno riceve la gnosi (La gnosi sottolinea al discapito della fede e delle opere l'elemento conoscitivo nella ricerca di Dio, come processo di illuminazione interiore riservato a pochi iniziati e fonte di sicura salvezza. Proverbi 1
1 Figlio mio, se ricevi le mie parole e serbi con cura i miei comandamenti,2 prestando orecchio alla saggezza e inclinando il cuore all'intelligenza; 3 sì, se chiami il discernimento e rivolgi la tua voce all'intelligenza, 4 se la cerchi come l'argento e ti dai a scavarla come un tesoro,5 allora comprenderai il timore del SIGNORE e troverai la scienza di Dio.
6 Il SIGNORE infatti dà la saggezza; dalla sua bocca provengono la scienza e l'intelligenza.7 Egli tiene in serbo per gli uomini retti un aiuto potente,uno scudo per quelli che camminano nell'integrità,8 allo scopo di proteggere i sentieri della giustizia
e di custodire la via dei suoi fedeli.9 Allora comprenderai la giustizia, l'equità,la rettitudine, tutte le vie del bene. il Primo Principio poi come confronto nella maturità spirituale ci sono 32 sentieri di Sapienza
I TRENTADUE SENTIERI
DELLA SAPIENZA
Questi sono i nomi dei Trendue Sentieri:
1) INTELLETTO MERAVIGLIOSO (SEKHEL MUFLA). Consapevolezza mistica. È la luce dell'intelletto primordiale, ed è la prima Gloria, di fronte alla quale nessuna creatura può resistere.
2) INTELLETTO RISPLENDENTE (SEKHEL MAZHIR). Consapevolezza radiante. È la corona della creazione, e risplende di una unità perfetta, che si innalza ad essere capo di tutto il resto, e viene chiamata dai Cabalisti: la Gloria Seconda.
3) INTELLETTO SANTIFICATO (SEKHEL MEQUDASH). È il fondamento della sapienza primordiale, che si chiama Fede fedele. La sua radice è Amen, ed è il padre della fede, poiché la fede viene emanata dalla sua forza.
4) INTELLETTO FISSATO (SEKHEL QAVUA). Consapevolezza permanente. Si chiama così poiché da lui provengono tutte le forze spirituali nella delicatezza di Atzilut (Mondo dell'Emanazione). Esse si sviluppano l'una dall'altra grazie alla forza dell'Emanatore primordiale.
5) INTELLETTO RADICATO (SEKHEL NISHRASH). Si chiama così poiché è l'essenza dell'unità perfetta, ed appartiene all'essenza di BINAH (Intelligenza), che viene formata all'interno della Sapienza primordiale.
6) INTELLETTO DELL'ABBONDANZA TRASCENDENTE (SEKHEL NIVDAL). Si chiama così poiché suo tramite si moltiplica l'abbondanza di Atzilut, e poiché dona tale abbondanza a tutte le benedizioni, le quali ricevono unificazione tramite la sua essenza.
7) INTELLETTO SEGRETO (SEKHEL NISTAR). Si chiama così poiché è la radianza che illumina tutte le forze dell'intelletto che si rendono manifeste all'occhio interiore nell'idea della creatività.
8) INTELLETTO COMPLETO (SEKHEL SHALEM). Consapevolezza perfetta. Si chiama così poiché l'Ordine Primordiale. In nessuna delle sue radici è possibile ponderare, se non all'interno delle stanze della Grandezza, la quale emana dall'essenza del suo esistere.
9) INTELLETTO PURO (SEKHEL TAHOR). Si chiama così poiché esso purifica le Sefirot,. Esso mette alla prova il grado della loro struttura e l'essenza interiore, facendola risplendere. Esse ne vengono unificate, senza più parti o divisioni.
10) INTELLETTO SFAVILLANTE (SEKHEL MITNOTZETZ). Si chiama così poiché si eleva e si adagia sul trono di Binah, e risplende con la radianza di tutte le luci, e dona un flusso abbondante al Principe del Volto.
11) INTELLETTO DOPPIAMENTE SCINTILLANTE (SEKHEL METZUCHTZACH). Si chiama così poiché esso è l'essenza della Cortina celeste, ordinata secondo uno schema gerarchico, ed è il sentiero che porta di fronte alla Causa di tutte le cause.
12) INTELLETTO CHIARO (SEKHEL BAHIR). Si chiama così poiché è l'essenza della grande ruota che si chiama "visione", cioè il luogo da cui provengono le visioni dei veggenti.
13) INTELLETTO ORGANIZZATORE DELL'UNITÀ (SEKHEL MANHIG HA-ACHUD). Si chiama così poiché è l'essenza della Gloria, ed è il compimento della verità degli esseri spirituali unificati.
14) INTELLETTO ILLUMINANTE (SEKHEL MEIR). Si chiama così poiché è l'essenza del Silenzio-Parlante o HASHMAL (Elettro). Esso dona insegnamenti circa i segreti degli elementi dei santi misteri, e del loro contenuto.
15) INTELLETTO CHE SOSTIENE (SEKHEL MAAMID). Consapevolezza Stabilizzante. Si chiama così poiché sostiene l'essenza della creazione con una nube pura, e i maestri della meditazione hanno detto che è una nebbia, com'è scritto : "e il suo vestito è nebbia" (Giobbe 38,9).
16) INTELLETTO ETERNO (SEKHEL NITZCHI). Si chiama così poiché è il Piacere della Gloria, e non c'è gloria al di sotto di ciò. Si chiama Gan Eden (Giardino delle Delizie), ed è preparato come ricompensa per i giusti.
17) INTELLETTO DEL SENTIMENTO (SEKHEL HA-HERGESH). È stato preparato per gli amanti della fede, affinché ne vengano rivestiti tramite lo Spirito Santo, e si chiama Fondamento della Bellezza (Tiferet-Tiferet = Bellezza.
Art by David Friedman http://www.kosmic-kabbalah.com/pages/silkscreen_prints_family_tree_of_life.htm
È la Sefirà che si incarica di armonizzare i due opposti modi operativi di Chesed e Ghevurà. Tiferet è costituita da tanti colori riuniti insieme, cioè dal coesistere di tante tonalità e caratteri diversi, integrati in un'unica personalità. Si rivela nelle complesse emozioni provate contemplando il bello e l'armonia estetica. Corrisponde all'esperienza della Compassione, che è amore misurato, capace di premiare e di lodare, ma anche di rimproverare e di punire pacatamente, se necessario, affinché il bene si imponga sul male con forza sempre maggiore. Nel corpo umano si trova al centro del cuore) nello stato delle Entità Superne o Superiori scritte nel Libro dello Splendore.
18) INTELLETTO della CASA DELL'ABBONDANZA (SEKHEL BAIT HA-SHEFA). Per mezzo della ricerca compiuta suo tramite un segreto nascosto e un paradosso vengono trasmessi a coloro che dimorano nella sua ombra, e aderiscono alla ricerca della sua essenza, che proviene dalla Causa delle cause.
19) INTELLETTO DEL MISTERO DI TUTTE LE OPERE SPIRITUALI (SEKHEL HA PEULOT HA-RUCHANIOT KULAM). Si chiama così a causa dell'abbondanza che lo permea, proveniente dalla Benedizione elevata e dalla Gloria superna.
20) INTELLETTO della VOLONTÀ (SEKHEL HA-RATZON). Si chiama così poiché è la struttura di tutti gli esseri formati, e suo tramite l'intelletto conosce l'essenza della Sapienza primordiale.
21) INTELLETTO DESIDERATO E RICERCATO (SEKHEL HA-CHAFUTZ VE-HA-MEVUQASH). Si chiama così poiché riceve l'influsso divino onde poter distribuire le sue benedizioni a tutte le creature.
22) INTELLETTO FEDELE (SEKHEL NEEMAN). Si chiama così poiché in esso si moltiplicano le forze spirituali, onde poter esser vicine a tutti coloro che dimorano nella sua prossimità.
23) INTELLETTO SOSTENENTE (SEKHEL QAIAM). Si chiama così poiché è la forza d'esistenza di tutte le Sefirot.
24) INTELLETTO DELL'IMMAGINAZIONE (SEKHEL DIMIONI). Si chiama così poiché dà un'immagine a tutti gli immaginati, che sono stati creati nell'immagine adatta alla loro costituzione.
25) INTELLETTO della PROVA (SEKHEL NISSIONI). Si chiama così poiché è la prova primordiale con la quale il Creatore, benedetto Egli sia, esamina tutti coloro che lo amano.
26) INTELLETTO RINNOVANTE (SEKHEL MECHUDASH). Si chiama così poiché suo tramite il Santo, benedetto Egli sia, rinnova tutto ciò che viene rinnovato nella creazione del mondo.
27) INTELLETTO PALPABILE (SEKHEL MURGASH). Si chiama così poiché suo tramite è stato creato l'intelletto e il sentimento di ogni creatura sensibile che si trova sotto l'orbita superiore.
28) INTELLETTO NATURALE (SEKHEL MUTBA). Si chiama così poiché suo tramite è stata completata nella sua pienezza la natura di ogni creatura che si trova sotto l'orbita del sole.
29) INTELLETTO MATERIALE (SEKHEL MUGSHAM). Si chiama così poiché descrive la crescita di ogni cosa che diventa fisica sotto il sistema di ogni orbita.
30) INTELLETTO GENERALE (SEKHEL KLALI). Si chiama così poiché suo tramite gli scrutatori del cielo derivano le loro regole, riguardanti le stelle e i segni zodiacali, e il loro studio porta alla completezza della conoscenza delle ruote e delle orbite.
31) INTELLETTO CONTINUA (SEKHEL TEMIDI). Perché si chiama così? Poiché esso controlla il procedere del sole e della luna secondo le loro caratteristiche, ognuno secondo l'orbita che gli è propria.
32) INTELLETTO ADORATO (SEKHEL NEEBAD). Si chiama così poiché è stato preparato per distruggere coloro che adorano i sette pianeti.
  
La lista precedente è la traduzione di quanto appare nei testi cabalistici, Moshè. Come si vede, essa è molto criptica, e avrebbe bisogno di ampie spiegazioni. Questo è il modo di procedere della Cabalà: prima si piantano i semi, nel cui interno è concentrato il segreto di tutta la "pianta" successiva, Matteo 13:38 il campo è il mondo; il buon seme sono i figli del regno; le zizzanie sono i figli del maligno ma anche negli Ultimi Giorni viene ristrutturata così la Nuova Gerusalemme per ricomporre il Regno Messianico e quelli che hanno tradito ed il Maligno negli Ultimi Giorni ha contaminato il Regno con l'Anticristo ed alcuni che hanno creduto in Lui. Apocalisse 3:12 Chi vince io lo porrò come colonna nel tempio del mio Dio, ed egli non ne uscirà mai più; scriverò su di lui il nome del mio Dio e il nome della città del mio Dio (la nuova Gerusalemme che scende dal cielo da presso il mio Dio) e il mio nuovo nome. Apocalisse 21:2 E vidi la santa città, la nuova Gerusalemme, scendere dal cielo da presso Dio, pronta come una sposa adorna per il suo sposo.Isaia 52:1 Promessa della restaurazione d'Israele; visione di Gerusalemme Risvègliati, risvègliati, rivèstiti della tua forza, Sion! Mettiti le tue più splendide vesti, Gerusalemme, città santa! Poiché da ora in poi non entreranno più in te, né l'incirconciso né l'impuro.Isaia 51:17 Risvègliati, risvègliati, àlzati, Gerusalemme, che hai bevuto il calice, la coppa di stordimento,e l'hai succhiata sino in fondo! In seguito tale seme viene gradualmente sviluppato, e gli insegnamenti in esso contenuti vengono assimilati. Un primo modo per fare ciò potrebbe essere quello di porre i Trentadue Sentieri in corrispondenza con le trentadue volte che il Nome di Dio [ELOHIM o Eloah (Elohim (in ebraico: אֱלוֹהִים ,אלהים) è un plurale della parola ebraica Eloah (אלוה), tradotta come "divinità". Quando usato con verbi e aggettivi al singolare elohim è usualmente singolare, "dio" o specialmente il Dio. Quando usato con verbi e aggettivi al plurale elohim è usualmente plurale, "dei" o "potenze"]. compare nella storia della Creazione. Il contesto di ciascun versetto, se esaminato cabalisticamente, ci darebbe il senso complessivo del Sentiero corrispondente. Li elencheremo successivamente. Un altro modo consiste nel rapportarli alle dieci Sefirot e alle ventidue lettere dell'Alef-Beit ebraico. Insieme essi costituiscono i trentadue componenti dell'Albero della Vita. Sephirot, Sephiroth, Sefiroth o Sefirot (סְפִירוֹת), singolare: Sephirah, o anche Sefirah (סְפִירָה, "enumerare" in lingua ebraica).
La parola Sefirot è connessa, secondo il Sefer Yetzirah, con sefer (scrittura),sefar (computo) e sippur (discorso), che derivano dalla stessa radice SFR. Il significato basilare viene reso come emanazioni: le Sefirot nella Cabala ebraica sono le dieci modalità o gli "strumenti" di Dio (a cui ci si riferisce con אור אין סוף Or Ein Sof, "Luce Senza Limiti") attraverso cui l'Ein Sof (l'Infinito) si rivela e continuativamente crea sia il reame fisico che la Catena dei Reami metafisici superiori (Seder hishtalshelus). « Tua, Signore, è la grandezza (Ghedullah), la potenza (Ghevurah), la bellezza (Tiferet), la vittoria (Nezakh) e la maestà (Hod), perché tutto (Kol - appellativo di Yessod), nei cieli e sulla terra, è tuo. Signore, tuo è il regno (Mamlachah - altro nome di Malkhut); tu sei colui che ti innalzi come testa (Ro'sh - le tre Sefirot superiori) su ogni cosa. (1Cron29,11».1 Cronache 29,11 A te, SIGNORE, la grandezza, la potenza, la gloria, lo splendore, la maestà, poiché tutto quello che sta in cielo e sulla terra è tuo! A te, SIGNORE, il regno; a te, che t'innalzi come sovrano al di sopra di tutte le cose!

* * * * * * * * *

I SENTIERI della SAPIENZA COMPRESI ALLA LUCE DELLE SEFIROT E DELLE LETTERE
 
Secondo la 
Cabalà siamo dotati di dieci potenze spirituali, dieci "luci" che dall'anima risplendono verso il mondo: le dieci SEFIROT. Esse sono stati potenziali, e ben pochi sono gli esseri umani che intraprendono il lungo e arduo cammino che porta alla loro attivazione. La maggior parte degli esseri umani si limita ad utilizzare solo poche di tali luci o potenze dell'anima, e anche quelle poche vengono messe all'opera solo in minima parte. Il modo col quale esse sono connesse segue un modello chiamato: ALBERO della VITA, in quanto è la ricostruzione fedele del famoso albero presente nel Giardino dell'Eden, il cui accesso venne proibito ad Adamo e ai suoi discendenti dopo il peccato. La Cabalà. è in grado di spiegarci la sua struttura e composizione restituendoci la possibilità di avvicinarsi ai suoi frutti, che donano l'immortalità. Come vedremo, l'Albero della Vita è sia il progetto della creazione del mondo che quello della sua ricreazione, cioè del suo diventare quei "cieli nuovi e terra nuova" destinati ad esistere per sempre. Analogamente, esso è il piano di crescita degli esseri umani, volti a ritrovare pienamente la loro immagine e somiglianza con Dio.
Secondo il Libro dello Splendore, il più importante libro di Cabalà, le dieci sefirot dell'Albero della Vita sono disposte lungo tre pilastri verticali, che definiscono altrettante vie di ascesa per la consapevolezza: sinistra, destra e centro. Le radici superne di tali vie sono tre Sefirot chiamate: Keter (Corona), Chokhmah (Sapienza)e Binah (Intelligenza).La Corona rappresenta il Trascendente, l'Assoluto, il puramente Divino, il Volere superiore che governa il tutto. La Sapienza è la sua prima condensazione e rivelazione, l'inizio e il seme di tutta la creazione. L'Intelligenza è il definirsi dei dettagli di come tutto debba svilupparsi e crescere, è la forza espansiva che dà forma e sostanza alle pure idee della Sapienza.
I maestri affermano che da Keter (Corona) si estendono seicentoventi colonne di luce (la stessa ghematria o valore numero della parola KETER, Kaf-Tav-Resh, è 620). Il loro compito è di portare la luce e il nutrimento vitale dei mondi superiori a quelli inferiori, oltre che a dare struttura e stabilità all'edificio dell'intera creazione. Da Chokhmah (Sapienza), la sefirà in alto a destra, si dipartono trentadue sentieri. Essi rappresentano anche le forme fondamentali di ogni esistenza creata, dato che la Sapienza è lo stesso principio creatore, come dice il verso:
" KULAM BE CHOKHMAH ASSITA"
" TUTTO HAI FATTO TRAMITE LA SAPIENZA "
Nei Trentadue Sentieri si trovano i modelli e gli archetipi originari di tutte le creature. La Sapienza, Chokhmah, è la materia prima, (HYLE) ancora informe ed indifferenziata, da cui tutto proviene. Binah (Intelligenza) possiede invece cinquanta porte, le famose Cinquanta Porte della Conoscenza. Esse rappresentano cinquanta modi principali di studiare, valutare, capire ed apprezzare la realtà creata, per ritrovare in essa la firma del Creatore, e per far ritornare la consapevolezza alla sua origine infinita.
La prima menzione dei Trentadue Sentieri si trova nel famoso Libro della Formazione (Sefer Yetzirà), il più antico libro di Cabalà, che incomincia così:
" PER MEZZO DEI TRENDAUE SENTIERI INEFFABILI  della SAPIENZA
YUD-HEY, Y-H-V-H , DIO DELLE SCHIERE ....
INCISE IL MONDO, IN TRE LIBRI:
NEL NUMERO, NEL RACCONTO E NELLA PIETRA PREZIOSA NEL GERMOGLIO GIUSTO IL MESSIA SCELTO DA DIO NON DALL’UOMO"
I "TRENTADUE SENTIERI della SAPIENZA" sono gli elementi essenziali di cui è composta la realtà, sia nelle sue espressioni fisiche che in quelle spirituali o per meglio dire Sapienziali in ciò che è Divino(Proverbi ed Qoelet sono una base di inizio accompagnata con un modo di pensare prettamente Spirituale annullando ciò che è pensiero umano. Meglio, essi sono le istruzioni e le formule chiave che hanno permesso l'originarsi delle cose, sia grandi che piccole. L'entità numerica 32 non è casuale, ma possiede diverse precise origini bibliche. La storia della creazione, così com'è descritta nel primo capitolo del BERESHIT (Libro della Genesi), contiene esattamente trentadue volte il nome
E L O H I M-ELOAH
che è il primo dei vari Nomi con cui Dio viene chiamato dalla Torà.. La Cabalà spiega che il Nome è anche Titolo ELOHIM dettato al Plurale ed ELOAH dettato al singolare descrive la potenza divina preposta alla creazione e al mantenimento delle leggi naturali su cui poggia il cosmo. Infatti i suo valore numerico è 86, pari a quello della parola HA-TEVA, che significa: "la natura".Elohim (in ebraico: אֱלוֹהִים ,אלהים) è un plurale della parola ebraica Eloah (אלוה), tradotta con me Divinità dell' Onnipotente "divinità" e tradotta anche divinità del Figlio l'Eletto ed il potere che gli viene dato per Regnare come dio minore Re dei Re Sacerdote dei Sacerdoti Profeta dei Profeti egli è Maestro e con il pensiero dell'Iddio Altissimo nel cuore e nella Mente.
Quando usato con verbi e aggettivi al singolare elohim è usualmente singolare, "dio" o specialmente il Dio. Quando usato con verbi e aggettivi al plurale elohim è usualmente plurale, "dei" o "potenze". Generalmente si pensa che Elohim sia una forma derivata da eloah, a sua volta una forma espansa del sostantivo semitico nord occidentale il (in ebraico: אֵל, ʾēl). Viene di solito tradotto con "Dio" nella Bibbia ebraica, riferendosi con verbi al singolare al Dio unico di Israele, ma anche in alcuni esempi ad altre divinità pagane individuali (spec. nel panteon cananita). Con verbi al plurale la parola è anche usata come vero plurale nel significato di "dèi". I nomi correlati eloah (in ebraico: אלוה) e el (in ebraico: אֵל) sono usati sia come nomi propri che come generici, nel qual caso sono intercambiabili con elohim.

Il numero 32 spesso rappresenta anche la Torà nella sua interezza, dato che la lettera con cui essa incomincia è la BEIT di Bereshit, il cui valore numerico è 2, e quella con cui essa finisce è la LAMED di Israel, il cui valore numerico è 30. La somma della prima e dell'ultima lettera della Torà diventa così il simbolo di tutto il suo contenuto. Per Torà intendiamo non solo il messaggio contenente la rivelazione dell'esistenza di Dio e delle norme morali da Lui prescritte, ma il piano intero della creazione, il progetto operativo concepito dall'infinita sapienza divina. Letta esotericamente, la Torà contiene tutte le istruzioni necessarie per far emergere e tener in vita l'edificio della creazione, nei suoi vari e multiformi aspetti. Secondo i Maestri esistono 32 modi per spiegare la Torà, che non sono se non i Trentadue Sentieri. Come vedremo, ognuno di essi viene chiamato SEKHEL, cioè Intelletto o Consapevolezza.
Trentadue è il valore numerico della parola
L E V (LAMED - BEIT) = cuore.
Oltre ad affermare che la Torà è il cuore stesso della creazione, ciò suggerisce che i Trentadue Sentieri sono il "cuore" stesso della realtà, cioè la sua parte più intima, l'essenza del nucleo centrale, nel quale è contenuta la chiave per comprendere tutto il resto. Ciò giustifica la pretesa del "Libro della Formazione" di poter ridurre l'enorme complessità della realtà sensibile ad appena trentadue elementi fondamentali, affermazione che potrebbe insospettire il lato critico e scientifico di ciascuno di noi. Questa esemplificazione è valida solo a proposito del "cuore" o dell'entità centrale del creato, e lascia intatta la quasi infinita varietà delle forme di vita e di intelligenza che la circondano, diramandosi da essa.
D'altra parte, la metodologia di esemplificare la realtà obiettiva in un numero il più ridotto possibile di elementi-primi sta alla base della stessa osservazione scientifica. Se ne vede un esempio nella chimica, in cui tutta la varietà della materia viene ridotta ad un solo centinaio di elementi. Tramite la loro combinazione e permutazione si arriva poi alla complessità e alla varietà delle innumerevoli strutture molecolari e cellulari. Anticipando di duemila anni tale metodologia, il "Sefer Yetzirà" suggeriva che lo studio dei "Trentadue Sentieri della Sapienza" è la via per spiegare la misteriosa varietà del mondo, e per riconoscere in esso il filo unificatore della Sapienza divina.
Inoltre, rispetto alla limitatezza del pensiero scientifico, con la sua incapacità di uscire dal campo del "sensibile" corporale, il "Libro della Formazione" offre un'insieme di corrispondenze che permette ben più della descrizione del piano fisico della creazione (chiamato nel testo OLAM o "mondo"). Infatti esso ci guida alla realizzazione di come il mondo fisico non sia altro se non l'ultima espressione di un sistema ben più ricco e articolato, che include i fenomeni del tempo e della storia, chiamati nel testo col termine SHANÀ (anno). Di questo sistema globale fanno parte anche i fenomeni psichici, emotivi, intellettuali e spirituali dell'essere umano, chiamati nel testo NEFESH (anima). Infine, il Sefer Yetzirah ricollega tutto ciò con le radici più elevate dell'esistenza, all'interno dello stesso pensiero di Dio. Le radici di tutto il creato sono infatti leDieci Sefirot e le Ventidue lettere dell'Alef-Beit ebraico, il linguaggio essenziale con cui si esprime la Mente divina.
Un altro modo di capire matematicamente la qualità del numero 32 è quello di considerarlo come la quinta potenza del numero 2. La base 2 rappresenta la polarità fondamentale su cui si basa tutta l'esistenza rivelata, l'insieme innumerabile di tutte le coppie di opposti che caratterizzano la vita (maschile-femminile; luce-oscurità; caldo-freddo; positivo-negativo; attraente-respingente; ecc.) Tale polarità è "seconda" a quella segreta, che rimane in uno stato di unità con Dio. "Due" rappresenta anche la simmetria su cui si appoggia la creazione, assunto condiviso ormai anche dalla scienza. Ad esempio, basti pensare al rapporto materia - antimateria descritto dalla fisica quantistica. La Bibbia, nel versetto (Qoèlet 7,14):
" ze le'umat ze 'assah Elohim "     "questo parallelo a quello fece Dio"
aveva anticipato la scoperta della fondamentale dualità simmetrica che è alla radice di tutti i fenomeni fisici e psichici. Non a caso la Torà incomincia proprio con la BEIT, che vale 2.
L'esponente a cui va elevato il 2 per ottenere 32 è 5, che si riferisce alle cinque dimensioni presenti nella creazione secondo il "Libro della Formazione". Esse sono: le tre dimensione dello spazio (Mondo), e cioè l'altezza, la lunghezza e la profondità; la misura del tempo (Anno), e la qualità della consapevolezza (Anima). Purtroppo solo le prime quattro di tali dimensioni sono state riconosciute dalla scienza, che le ha unificate ad opera della teoria della relatività di Einstein.
Il Libro della Formazione propone infatti la seguente ripartizione:
OLAM - SHANAH - NEFESH = mondo - anno - anima.
Questi tre livelli, espressi in termini moderni, sono:
spazio - tempo - consapevolezza.
Come si sa dalla fisica, lo spazio possiede tre dimensioni e il tempo una. La "quinta" dimensione, malauguratamente non ancora ufficialmente accettata dalla scienza, che pur ne fa uso diffuso, è quella della consapevolezza dell'essere vivente, colui che si trova al centro delle altre quattro coordinate. La Torà attribuisce un'importanza fondamentale alla quinta dimensione, e lo studio della Torà è il mezzo più rapido ed efficace per ottenerla e svilupparla. Non a caso la Torà scritta, o PENTATEUCO (penta = cinque) è suddivisa in cinque libri. Le Tavolette su cui Mosè la ricevette erano due, e su ciascuna di esse comparivano cinque frasi. Ciò conferma il citato rapporto tra 2 e 5.
Due elevato a cinque è dunque la formula che afferma
come occorre saper leggere la dualità fondamentale dell'esistenza
in termini di parallelismo, di corrispondenza e di simmetria,
"potenziando" tale lettura mediante la sua estensione a tutti
i cinque gradi dell'essere.
Il "Libro della Formazione" ci descrive in modo coerente e sintetico il processo creativo operato dalla Sapienza divina nel suo dar vita ai mondi. Il suo studio ci rende più sensibili alla santità insita in ogni dettaglio dell'esistenza, e può aiutarci a percepire la rete organizzatrice che tiene insieme le miriadi delle creature. Tramite il suo studio crescerà anche la nostra consapevolezza del "qui e adesso", cioè la capacità di rispondere alle imprevedibili esigenze del momento in cui viviamo.
I 32 Sentieri sono l'insieme di tutto ciò che si trova in alto come in basso, e la loro associazione con le 32 volte che in nome ELOHIM compare nel capitolo della creazione significa che ogni Sentiero rivela la forma che era potenzialmente contenuta nel Nome corrispondente. Elenchiamo di seguito queste 32 apparizioni del Nome Elohim. Per una comprensione ulteriore delle qualità e caratteristiche di ogni Sentiero è necessario far riferimento al versetto corrispondente.
1) Bereshit barà ELOHIM et             In principio Dio creò
2) Veruach ELOHIM merachefet          E lo spirito di Dio aleggia
3) Vayomer ELOHIM yehi or             E Dio disse: Sia la luce
4) Vayar ELOHIM et haor             E Dio vide la luce
5) Vayavdel ELOHIM bein haor            E Dio separò la luce
6) Vaikra ELOHIM laor yom     E Dio chiamò la luce "giorno"
7) Vayomer ELOHIM yehi raqia        E Dio disse: Sia il firmamento
8) Vayas ELOHIM et haraqia           E Dio fece il firmamento
9) Vaykra ELOHIM laraqia             E Dio chiamò il firmamento "Cielo"
10) Vayomer ELOHIM yqavu hamaim          E Dio disse: Si radunino le acque
11) Vaiqra ELOHIM la yabasha aretz          E Dio chiamò l'asciutto "terra"
12) Vayar ELOHIM ki tov                  E Dio vide che ciò era buono
13) Vayomer ELOHIM tedshe haaretz          E Dio disse: Germogli la terra
14) Vayar ELOHIM ki tov            E Dio vide che ciò era buono
15) Vayomer ELOHIM yehi meorot        E Dio disse: Siano i luminari
16) Vayas ELOHIM et shnei hameorot         E Dio fece i due luminari
17) Vaitem ottam ELOHIM bireqia hashamaim E Dio li pose nel cuore del Figlio dell'Uomo il firmamento dei cieli o di ciò che è divino per mano di Dio, non solo pos nella Mente e nel Cuore il suo Pensiero perché egli divenisse la sua Parola sulla Terra.
18) Vayar ELOHIM ki tov            E Dio vide che ciò era buono nella sua Giustizia perche è quella che conta nei Nuvi Cieli e Nuova Terra nel Nuovo Patto
19) Vayomer ELOHIM ishretzu hamaim          E Dio disse: brulichino le acque
20) Vaivra ELOHIM et hataninim             E Dio creò i mostri marini
21) Vayar ELOHIM ki tov               E Dio vide che ciò era buono
22) Vayevarekh ottam ELOHIM             E Dio li benedisse
23) Vayomer ELOHIM totze haaretz            E Dio disse: faccia uscire la terra
24) Vaias ELOHIM et chaiat hasadè            E Dio fece gli animali del campo
25) Vayar ELOHIM ki tov            E Dio vide che ciò era buono
26) Vayomer ELOHIM na'assè Adam             E Dio disse: faremo l'uomo
27) Vaivra ELOHIM et haAdam             E Dio creò Adamo
28) Betzelem ELOHIM bara otto           Nell'immagine di Dio lo creò
29) Vaievarekh ottam ELOHIM          E Dio li benedisse
30) Vayomer lahem ELOHIM pru urvu          E Dio disse loro: crescete e moltiplicatevi
31) Vayomer ELOHIM hine natati E Dio disse: ecco ho posto
32) Vayar ELOHIM et kol asher assà E Dio vide tutto quello che aveva fatto.
Alcune prime osservazioni sono possibili confrontando i vari versetti e frasi che contengono il Nome ELOHIM (Dio) con i numeri dei Sentieri corrispondenti. Ciò permette di derivare informazioni sulle caratteristiche spirituali dei numeri in questione, e viceversa. Ad esempio, com'è noto in Cabalà, 26 è il numero più importante, in quanto è il valore del Nome Y-H-V-H, il più importante dei Nomi di Dio. Ora, il Sentiero n. 26 è quello in cui si annuncia la creazione di Adamo, il centro dell'intera creazione. Ma andiamo per ordine. L'Uno (In principio Dio creò) è il numero creativo per eccellenza, la radice del tutto. Il 2 (e lo Spirito di Dio aleggia) è lo Spirito di Dio, la sua parte femminile che scende vicinissima ai mondi inferiori per portarli alla rettificazione.(3 Sia la luce) è la luce della sintesi, dell'armonia e dell'equilibrio, è il segreto dell'Albero della Vita, composto da tre pilastri, la via verso la Luce divina. Si tenga presente che la luce creata il primo giorno non era quella fisica ma quella spirituale, che viaggia a velocità infinita. 4 (E Dio vide) secondo il Libro della Formazione 4 è il senso della vista, una prima forma di ricezione, di recipienti che vengono riempiti.(5E Dio separò la luce...) è la prima divisione e separazione, dato che 5 è il numero delle Ghevurot (Forze) e dei Chasadim (Amori), le prime due entità fondamentali che è possibile distinguere e discriminare nella realtà, la radice ultima di ogni polarità e dualità.(6E Dio chiamò...) è il lavoro del "dar nomi", un'operazione che anche Adamo compì nel Giardino, proprio alla sesta ora del giorno. È l'apparizione del concetto di "giorno", e i giorni lavorativi sono 6. Da ciò si vede che il Shabat, il settimo, non è un giorno come gli altri, ma appartiene ad una categoria a parte.(7 E Dio disse: Sia il Firmamento...)è la creazione del Firmamento, che è l'elemento di congiunzione tra superiori ed inferiori, e (7 è il numero dell'unione di Pensiero Tra Dio ed il Figlio), come mostrato in astrologia, dove la settima casa è quella del matrimonio, e il settimo segno, la Bilancia, è quello delle relazioni interpersonali.(8 E Dio fece il Firmamento) è la concretizzazione delle idee e dei principi enunciati a proposito del 7. (Per una miglior comprensione di questi numeri è necessario far riferimento anche alle loro connotazioni astrologiche, sia come segni che come case.) (9 E Dio chiamò il Firmamento Cielo) è un altro "dar nomi", ma ad un livello diverso del 6, in quanto è più completo, più preciso ed esperto.(10 Si radunino le acque) è il numero della completezza, rappresentata dal radunarsi delle acque in un'unico posto.(11 E Dio chiamò l'asciutto Terra) è un numero misterioso e ambivalente, come il concetto di "terra secca". In Cabalà si insegna che il serpente primordiale è innocuo finché è nell'acqua, ma che sale in terra asciutta diventa pericolosissimo.11 è il numero della sefirà Da'at, la prima che si ruppe con peccato di Adamo, causato dall'operare malizioso del serpente.(12 E Dio vide che ciò era Spirituale era Giustizia e bonta) è la bontà della completezza del cerchio zodiacale con i dodici segni, mesi e tribù; la bontà vista da Dio è quella della loro armonia.(13 Germogli la terra simbolicamente parlando al Germoglio Giusto Geremia22:5-6 geremia33:15-16) è la nascita della forza di crescita nascosta all'interno della terra, una forza che in Cabalà viene interpretata nientemeno come il riflesso diretto della forza del Keter, la Corona, la più alta ed importante delle Sefirot o stati dell'Essere.(13 è il numero dell'unità e dell'amore, la metà del valore numerico del Nome di Dio Y-H-V-H (26).(14 ciò era buono) è il doppio di 7, che è chiamato "il numero beneamato", e quindi 14 è la seconda volta che Dio "vede che ciò è buono". 15 (E Dio fece i due luminari) è il valore numerico delle prime due lettere del Nome Y-H-V-H,a cui è legato anche il nome del Figlio sulla Terra . La Yud e la Hey rappresentano l'unione suprema tra il Maschile e il Femminile, ben simboleggiati dai due luminari, il Sole e la Luna.(16 E Dio fece i due luminari)è il doppio di 8, che abbiamo già visto è il numero della concretizzazione delle idee e dei Principi... Come Metatron Principe all'epoca Primordiale da Dio uno dei primi angeli della Creazione che Viene profetizzato anche come Figlio dell'Uomo negli Ultimi Giorni e dio minore al Suggellamento del 5756-1996 dove Esodo 23:21 viene rivelato il Nome Nascosto al Figlio di Dio sulla Terra e che lui è il Vero Messia con il Nome che è stato riconosciuto legato al Tetragramma da Dio stesso il Visione al Figlio aprendo la Torà di Fronte al Figlio egli E' il vero Messia Deuteronomio32 – Esodo 23:21 il tetragramma YHWH del Nome di Dio è nel Figlio di Dio che porta il nome di Yah’El come Re Eterno ed El’Yah come profeta ma c’è un Ordine Profetico anche di Nomi per Nomine Stabilite da Dio per poterlo predicare anche Come Soccorritore e Consolatore e l’ordine di questo lo può dare solo il Figlio per come gli è stato impartito nello spirito poi l’incontro con il Padre Eterno. Sono simboli Primari che fa Riferimento al Dio stesso se riconosciamo chi è quella piccola pietra in quel Figlio dell’Uomo Riconosciamo in lui il Pensiero di Dio che Egli gli diede dopo il Suggellamento nella Mente e nel cuore quindi la Roccia che Dio ha Posto sulla Terra, non un illusione ma una vera Realtà.
Deuteronomio32:3 Quando Invocherò il tuo nome che è legato al tetragramma di Dio YHWH. La roccia del Signore è l’appellativo dato al Messia come liberazione dell’Egitto e quindi da un periodo di Schiavitù, è la liberazione degli Ultimi Giorni anche questo un forte periodo mondiale di Prigionia, nell’imperfezione con Governanti schiavisti, ma il Tiqqun è la Correzione che Dio darà all’Umanità da imperfezione a Perfezione eliminando il male del Mondo con la sua Iniquità). 
...In breve: 22, (E Dio li benedisse...) il numero delle lettere ebraiche, è il Sentiero in cui si parla per la prima volta di "benedizione". Ogni lettera è uno strumento atto a ricevere le benedizioni, e lo studio dell'Alef-Beit è il recipiente generale che permette di "benedire" la nostra vita.
In generale, si può affermare che i primi dieci Sentieri sono associati alle dieci Sefirot, e gli altri ventidue alle lettere dell'Alef-Beit. L'ordine con cui si susseguono non è però quello lineare. Il Sentiero più alto infatti corrisponde al Nulla (Ain) che sovrasta l'Albero, e l'ottavo Sentiero associa Netzach e Hod insieme. L'undicesimo, il dodicesimo e il tredicesimo Sentiero sono le tre Lettere-Matrici del Libro della Formazione (Sefer Yetzirà): Alef - Mem - Shin. I prossimi sette Sentieri (dal 14° al 20°) sono le Sette doppie, e gli ultimi dodici sono costituiti dalle dodici lettere semplici.
Occorre però tener presente che questa è solo una delle possibili corrispondenze.), riceve ciò che gli è proprio e l'attira in se stesso. Invece chi è ignorante è privo, ed è una cosa importante che gli manca: gli manca infatti ciò che può farlo perfetto.


10.) Poiché la perfezione del Tutto è nel Padre ed è necessario che il Tutto risalga a lui e che ognuno riceva ciò che gli è proprio, Egli li ha registrati in anticipo, avendoli preparati per essere uniti a quelli che sono usciti da lui. Coloro i cui nomi Egli ha conosciuto in anticipo alla fine vengono chiamati: e così, chi conosce è colui del quale il Padre ha pronunciato il nome Y-H-W-HYah'El a cui viene dato in compito di Suggellare in Spirito MASHIACH UNTO DA DIO .
Invece colui il cui nome non è stato pronunciato è l'ignorante che presume di sapere nel sapere dell'uomo non quello da Dio. E, infatti, come potrebbe uno udire, se il suo nome non è stato pronunciato? Chi rimane ignorante fino alla fine è una creatura dell'oblio e sarà distrutto con esso. Altrimenti, per quale ragione questi miserabili non ricevono alcun nome, non sentono l'appello? adesso sino il Sapere per ottenere Sapienza non viene dato anche quando chi può divenire un unto battezzato dal Figlio non viene dato il discernimento delle persone viene bloccato a norma di Restrizione si quando il Figlio sarà nascosto e questo tra breve perché Egli compie il 50° anno di vita tra breve e tra breve avrà compiuto l'addestramento per se il 20° anno di addestramento dal 5756-1996 Commemorazione Pasquale 5776-2016 la Commemorazione di quest'altro anno è fondamentale si compiono i 20 anni di addestramento per creare il Figlio dell'Uomo, per pensare come Dio stesso ecco perché egli E', La Parola ha degli eletti che tra poco dovrà lasciare per unirsi alla Nuova Gerusalemme. 


11.) Dunque, se uno possiede la gnosi(gnòsi Forma di conoscenza religiosa che porta dentro babilonia la Grande la Falsa Religione, spesso raggiunta per mezzo di procedimenti misterici. La gnosi  sottolinea a discapito della fede e delle opere come processo di Falsa illuminazione spirituale sotto pensiero dell'Uomo o sotto insegnamento Demonico. Elemento caratteristico della gnosi è il forte dualismo tra spirito e materia la divisione di ciò che è cosa? il concetto di Dualismo non  è nei parametri del nuovo patto di Dio e del Figlio la vera Giustizia Divina si muove non sotto il concetto di Duoalismo, ma la Sapienza di Dio ed Ciò che è di questo sistema e la mentalità imperfetta non accetta con facilità esso è condannato alla distruzione Eterna come tutte le religioni indistintamente e Governi. Forme di gnosi si trovano in tutte le religioni compreso lo gnosticismo quindi l'insegnamento dell'Uomo apostatato come se fosse insegnamento di Dio, quindi comprensibile  questo è il vero Chokhmà il vero Modo Di Vivere e il vero insegnamento che porta alla salvezza che Dio ha tracciato per l'Umanita un esempio Falsa Religione tutte le religioni sono Zizzanie il Regno è il grano o per essere ancora più espliciti tutte le Religioni sono una barca che affonderà tra Breve il Regno è la Nave che porterà chi vuole la vera Salvezza così come furono i giorni di Noè sarà la presenza del Figlio dell'Uomo a voi la Scelta Distruzione o Salvezza?= Sapienza È il lampo dell'intuizione che illumina l'intelletto, è il punto in cui il super-conscio tocca il cosciente. È il seme dell'idea, il pensiero interiore, i cui dettagli non sono ancora differenziati. È la capacità di sopportare il paradosso, di pensare non in modo lineare ma simultaneo. Si tratta di uno stato raggiungibile solo a tratti, e comunque richiede una grande maturità ed esperienza. È lo stato del "non giudizio", in quanto con la sapienza si percepisce come la verità abbia sempre aspetti. Nel corpo umano corrisponde all'emisfero cerebrale destro. Nel servizio dell'anima corrisponde allo stato di Bitul = Nullificazione del sé. In altri termini, è possibile raggiungere la sapienza solo tramite l'annullamento dell'ego separato e separatore.
Binà = Intelligenza.
E’ il prendere forma dell'idea o del concetto concepito da Chokhmà. Si tratta della sede del pensiero logico, razionale, matematico, sia nella sua forma astratta e speculativa che in quella concreta e applicata. È quella forma di pensiero che si appoggia alle parole, è può venire scambiato e condiviso tramite il linguaggio. Binà è la capacità di integrare nella propria personalità concetti e idee diverse, assimilandole e ponendole in comunicazione. Se Binà funziona a dovere, il pensiero diventa in grado di influenzare positivamente le proprie emozioni, in virtù delle verità comprese e integrate nella propria personalità. Nel corpo umano Binà corrisponde all'emisfero cerebrale sinistro. Ai suoi livelli più evoluti, Binà convoglia l'esperienza della Felicità, il trasformarsi delle giuste conoscenze intellettuali nella gioia di chi sente di avere trovato le risposte.per chi lo ricerca nel pensiero di Dio Ciò che Viene è profetico e l'insegnamento Sapienziale è dall'Alto domande sapete quante Vite ha Vissuto il Vero Messia e quando ha iniziato la sua Vita sulla Terra?Sapete il suo nome Prima nei Cieli?Il nome è Metatron primariamente Principe e ancora prima di una dimensione prettamente Divina uno dei Primi angeli della Creazione ( ma Egli non fa parte di Religioni egli è la Chiave di Volta Deuteronomio32 – Esodo 23:21 il tetragramma YHWH del Nome di Dio è nel Figlio di Dio che porta il nome di Yah’El come Re Eterno ed El’Yah come profeta ma c’è un Ordine Profetico anche di Nomi per Nomine Stabilite da Dio per poterlo predicare anche Come Soccorritore e Consolatore e l’ordine di questo lo può dare solo il Figlio per come gli è stato impartito nello spirito poi l’incontro con il Padre Eterno. Sono simboli Primari che fa Riferimento al Dio stesso se riconosciamo chi è quella piccola pietra in quel Figlio dell’Uomo Riconosciamo in lui il Pensiero di Dio che Egli gli diede dopo il Suggellamento nella Mente e nel cuore quindi la Roccia che Dio ha Posto sulla Terra, non un illusione ma una vera Realtà.
Deuteronomio32:3 Quando Invocherò il tuo nome che è legato al tetragramma di Dio YHWH. La roccia del Signore è l’appellativo dato al Messia come liberazione dell’Egitto e quindi da un periodo di Schiavitù, è la liberazione degli Ultimi Giorni anche questo un forte periodo mondiale di Prigionia, nell’imperfezione con Governanti schiavisti, ma il Tiqqun è la Correzione che Dio darà all’Umanità da imperfezione a Perfezione eliminando il male del Mondo con la sua Iniquità). 
Se è chiamato, ode, risponde e si volge verso chi lo chiama, per risalire a lui, poiché sa per quale scopo è chiamato. Poiché possiede lo Spirito del Padre per essere la Parola, egli compie la volontà di colui che lo ha chiamato. Desidera piacergli e riceve il Riposo. Egli può conoscere il nome di ogni cosa. Chi possiede così lo Spirito sa di dove viene e dove va. Egli sa, allo stesso modo di uno che essendo stato nell'Ignoranza si è liberato e ha amato il Sapere di Dio nella sua completa Sapienza di Dio essendo venuto qui a Prendere l'umanità per essere La guida del Regno Presso Dio e l'esempio per gli Unti da seguire quelli che fanno o faranno parte della Nuova Gerusalemme ed essendo tornato in sé mette in ordine le cose che gli appartengono.I SENTIERI della SAPIENZA COMPRESI ALLA LUCE DELLE SEFIROT E DELLE LETTERE.
La Piccola Pietra demolisce la grande statua, Daniele 2 versetti 26 sino a 45 da l’interpretazione primaria negli Ultimi Giorni con la venuta del Messia, quando il sogno che non è un sogno ma una chiara visione profetica degli Ultimi Giorni in effetti solo un Profeta di Dio poteva interpretarla. Quella Piccola Pietra si trasforma in una Montagna perché essa è ha capo del Regno Messianico e di Miriadi di Miriadi di Angeli che sono in attesa del Figlio dell’Uomo nei nostri Giorni l’Era Messianica.
Piccola Pietra è la Pietra angolare che diviene il Messia atteso negli Ultimi Giorni precisamente circa 20 anni fa nella Commemorazione Pasquale che l’Iddio dei Cieli gli aveva organizzato perché Lui potesse avere un incontro con il Figlio sulla Terra, La Pietra rappresenta appunto l’illusione umana e la caducità ; infatti cade, crolla, va in frantumi, in mille poezzi. La Pietra, al contrario, ha la Caratteristica della Solidità, della Stabilità, della Sicurezza e della Solidità ha la qualifica di essere un fondamento. Egli è la Pietra d’Inciampo perché è solida nella Completa Sapienza ricevendo da Dio stesso tutti gli Incarichi che Dio stesso gli ha permesso compreso la Vita Eterna che così condanna la Morte al Cessare di esistere, Egli diviene la Parola accettando il Pensiero di Dio nella Mente e Nel Cuore di pensiero nella Mente e nel Cuore per capire l’Iddio Onnipotente dando un Fondamento Solido per essere un dio minore e per essere la Parola di Dio sulla terra, per cui la Lampada di Dio sulla Terra che è l’Unione tra Cielo e Terra.
IL RIFERIMENTO AL MESSIA, è proprio da questo aspetto che possiamo partire da questo per ricostruire questo aspetto simbolico della Pietra. Una Volta riconosciuto chi è il Figlio dell’Iddio Altissimo, donandogli i Nomi e le Autorità che Dio Voleva il Figlio diviene la Chiave di Volta rappresentata nelle Profezie come La Pietra che unisce così Cielo e Terra tramite il Padre Celeste Il Figlio è L’unione e la Guida del Regno, la Vera e Nuova Gerusalemme ed anche La grande Folla Dio è l’unione con il Figlio, ed il Figlio è vero Messia, con scelta davanti a Dio per l’unificazione della Sapienza per eliminare chi si presenta al suo posto come falso Messia.
A che cosa allude la Scala di Giacobbe agli Angeli dell’Iddio Altissimo che salgono e scendono da Dio ed il Figlio, la fine dei nomi degli angeli predicono il nome del figli i nomi sono al Femminile per ricoprire al Maschile chi è il Figlio El’Yah o Yah’El, , l'Elia El'Yah negli Ultimi Giorni con al venuta del Re Eterno Yah'El, diminutivi del Tetragramma YHWH di Dio al Figlio questo ne spiega in Ezechieleil Rapporto Che Dio ha con il Figlio; Chokhmà = Sapienza È il lampo dell'intuizione che illumina l'intelletto, è il punto in cui il super-conscio tocca il cosciente. È il seme dell'idea, il pensiero interiore, i cui dettagli non sono ancora differenziati. È la capacità di sopportare il paradosso, di pensare non in modo lineare ma simultaneo. Si tratta di uno stato raggiungibile solo a tratti, e comunque richiede una grande maturità ed esperienza. È lo stato del "non giudizio", in quanto con la sapienza si percepisce come la verità abbia sempre aspetti. Nel corpo umano corrisponde all'emisfero cerebrale destro. Nel servizio dell'anima corrisponde allo stato di Bitul = Nullificazione del sé. In altri termini, è possibile raggiungere la sapienza solo tramite l'annullamento dell'ego separato e separatore.
Binà = Intelligenza.
E’ il prendere forma dell'idea o del concetto concepito da Chokhmà. Si tratta della sede del pensiero logico, razionale, matematico, sia nella sua forma astratta e speculativa che in quella concreta e applicata. È quella forma di pensiero che si appoggia alle parole, è può venire scambiato e condiviso tramite il linguaggio. Binà è la capacità di integrare nella propria personalità concetti e idee diverse, assimilandole e ponendole in comunicazione. Se Binà funziona a dovere, il pensiero diventa in grado di influenzare positivamente le proprie emozioni, in virtù delle verità comprese e integrate nella propria personalità. Nel corpo umano Binà corrisponde all'emisfero cerebrale sinistro. Ai suoi livelli più evoluti, Binà convoglia l'esperienza della Felicità, il trasformarsi delle giuste conoscenze intellettuali nella gioia di chi sente di avere trovato le risposte.
Da'at = Conoscenza unificante. Poiché Keter è troppo elevata e sublime per venire conosciuta e contata, il suo posto viene preso da un'undicesima Sefirà, posta più in basso, tra il livello di Chokhmà - Binà e quello di Tiferet. Essa permette l'unificazione dei due modi di pensare tipici degli emisferi cerebrali destro e sinistro: intuizione e logica. Da'at è l'origine della capacità di unificare ogni coppia di opposti. Spiritualmente parlando, essa è la produttrice del seme umano che viene trasmesso durante il rapporto sessuale. Nel corpo umano corrisponde alla parte centrale del cervello e al cervelletto. Nel Chasidismo essa diventa la facoltà dello Yichud,Unione.
Con questo ragionamento è divenuto la chiave di Volta o Pietra angolare che per la Falsità e chi riveste ciò che è Falso anche il ruolo messianico è condannato alla distruzione eterna, Dio è l’unico che la creato sotto il cieli e nessun uomo o altro può mettersi contro alla decisione di Dio sul Vero Messia.
L'acqua dalla Roccia richiama il popolo eletto nella sua tribolazione profetico 


12.) Molti sono stati fatti uscire dall'errore, sono stati preceduti fino ai luoghi a loro propri, da cui si erano allontanati e ricevendo l'errore a causa della profondità di Colui che circonda ogni luogo,( senza che cosa alcuna lo circondi. Gran meraviglia che essi fossero nel Padre senza conoscerlo e che abbiano avuto la possibilità di uscire fuori da soli, non potendo comprendere e conoscere Colui nel quale si trovavano! Così era, perché la sua volontà non si era ancora rivelata fuori di lui. Egli l'ha manifestata a favore di una conoscenza in cui convengono tutte le sue emanazioni non sono lettere e segni tali che, leggendoli, uno possa pensare a qualcosa di vano, ma sono le lettere della Verità: chi le pronuncia riconosce se stesso. Ciascuna lettera è verità assoluta, ed è un libro perfetto, poiché si tratta di segni scritti dall'Uno. Li ha scritti il Padre, affinché gli eoni, per mezzo di queste sue lettere, conoscessero il Padre), riceve ciò che gli è proprio e l'attira in se stesso. Invece chi è ignorante è privo, ed è una cosa importante che gli manca: gli manca infatti ciò che può farlo perfetto.


10.) Poiché la perfezione del Tutto è nel Padre ed è necessario che il Tutto risalga a lui e che ognuno riceva ciò che gli è proprio, Egli li ha registrati in anticipo, avendoli preparati per essere uniti a quelli che sono usciti da lui. Coloro i cui nomi Egli ha conosciuto in anticipo alla fine vengono chiamati: e così, chi conosce è colui del quale il Padre ha pronunciato il nome Y-H-W-H Yah'El a cui viene dato in compito di Suggellare in Spirito MASHIACH UNTO DA DIO .
Invece colui il cui nome non è stato pronunciato è l'ignorante che presume di sapere nel sapere dell'uomo non quello da Dio. E, infatti, come potrebbe uno udire, se il suo nome non è stato pronunciato? Chi rimane ignorante fino alla fine è una creatura dell'oblio e sarà distrutto con esso. Altrimenti, per quale ragione questi miserabili non ricevono alcun nome, non sentono l'appello? adesso sino il Sapere per ottenere Sapienza non viene dato anche quando chi può divenire un unto battezzato dal Figlio non viene dato il discernimento delle persone viene bloccato a norma di Restrizione si quando il Figlio sarà nascosto e questo tra breve perché Egli compie il 50° anno di vita tra breve e tra breve avrà compiuto l'addestramento per se il 20° anno di addestramento dal 5756-1996 Commemorazione Pasquale 5776-2016 la Commemorazione di quest'altro anno è fondamentale si compiono i 20 anni di addestramento per creare il Figlio dell'Uomo, per pensare come Dio stesso ecco perché egli E', La Parola ha degli eletti che tra poco dovrà lasciare per unirsi alla Nuova Gerusalemme. 


11.) Dunque, se uno possiede la gnosi(gnòsi Forma di conoscenza religiosa, spesso raggiunta per mezzo di procedimenti misterici. La g. sottolinea (a discapito della fede e delle opere) l'elemento conoscitivo nella ricerca di Dio, come processo di illuminazione interiore riservato a pochi iniziati e fonte di sicura salvezza. Elemento caratteristico della g. è il forte dualismo tra spirito e materia, anima e corpo, che può condurre ad atteggiamenti etici opposti (ascetismo o rifiuto di ogni legge morale comune). Forme di g. si trovano in molte religioni (induismo, buddismo, talune tradizioni ebraiche e islamiche) e in alcune correnti vicine o interne al cristianesimo primitivo (fino al 3° sec.) dette appunto, nel loro insieme, gnosticismo, contro le quali polemizzarono diversi Padri della Chiesa.)è un essere dall'Alto Primariamente Principe e ancora prima di una dimensione prettamente Divina uno dei Primi angeli della Creazione( ma Egli non fa parte di Religioni egli è la Chiave di Volta Deuteronomio32 – Esodo 23:21 il tetragramma YHWH del Nome di Dio è nel Figlio di Dio che porta il nome di Yah’El come Re Eterno ed El’Yah come profeta ma c’è un Ordine Profetico anche di Nomi per Nomine Stabilite da Dio per poterlo predicare anche Come Soccorritore e Consolatore e l’ordine di questo lo può dare solo il Figlio per come gli è stato impartito nello spirito poi l’incontro con il Padre Eterno.Sono simboli Primari che fa Riferimento al Dio stesso se riconosciamo chi è quella piccola pietra in quel Figlio dell’Uomo Riconosciamo in lui il Pensiero di Dio che Egli gli diede dopo il Suggellamento nella Mente e nel cuore quindi la Roccia che Dio ha Posto sulla Terra, non un illusione ma una vera Realtà.
Deuteronomio32:3 Quando Invocherò il tuo nome che è legato al tetragramma di Dio YHWH. La roccia del Signore è l’appellativo dato al Messia come liberazione dell’Egitto e quindi da un periodo di Schiavitù, è la liberazione degli Ultimi Giorni anche questo un forte periodo mondiale di Prigionia, nell’imperfezione con Governanti schiavisti, ma il Tiqqun è la Correzione che Dio darà all’Umanità da imperfezione a Perfezione eliminando il male del Mondo con la sua Iniquità). 
Se è chiamato, ode, risponde e si volge verso chi lo chiama, per risalire a lui, poiché sa per quale scopo è chiamato. Poiché possiede lo Spirito del Padre per essere la Parola, egli compie la volontà di colui che lo ha chiamato. Desidera piacergli e riceve il Riposo. Egli può conoscere il nome di ogni cosa. Chi possiede così lo Spirito sa di dove viene e dove va. Egli sa, allo stesso modo di uno che essendo stato nell'Ignoranza si è liberato e ha amato il Sapere di Dio nella sua completa Sapienza di Dio essendo venuto qui a Prendere l'umanità per essere La guida del Regno Presso Dio e l'esempio per gli Unti da seguire quelli che fanno o faranno parte della Nuova Gerusalemme ed essendo tornato in sé mette in ordine le cose che gli appartengono.I SENTIERI della SAPIENZA COMPRESI ALLA LUCE DELLE SEFIROT E DELLE LETTERE.
La Piccola Pietra demolisce la grande statua, Daniele 2 versetti 26 sino a 45 da l’interpretazione primaria negli Ultimi Giorni con la venuta del Messia, quando il sogno che non è un sogno ma una chiara visione profetica degli Ultimi Giorni in effetti solo un Profeta di Dio poteva interpretarla. Quella Piccola Pietra si trasforma in una Montagna perché essa è ha capo del Regno Messianico e di Miriadi di Miriadi di Angeli che sono in attesa del Figlio dell’Uomo nei nostri Giorni l’Era Messianica.
Piccola Pietra è la Pietra angolare che diviene il Messia atteso negli Ultimi Giorni precisamente circa 20 anni fa nella Commemorazione Pasquale che l’Iddio dei Cieli gli aveva organizzato perché Lui potesse avere un incontro con il Figlio sulla Terra, La Pietra rappresenta appunto l’illusione umana e la caducità ; infatti cade, crolla, va in frantumi, in mille poezzi. La Pietra, al contrario, ha la Caratteristica della Solidità, della Stabilità, della Sicurezza e della Solidità ha la qualifica di essere un fondamento. Egli è la Pietra d’Inciampo perché è solida nella Completa Sapienza ricevendo da Dio stesso tutti gli Incarichi che Dio stesso gli ha permesso compreso la Vita Eterna che così condanna la Morte al Cessare di esistere, Egli diviene la Parola accettando il Pensiero di Dio nella Mente e Nel Cuore di pensiero nella Mente e nel Cuore per capire l’Iddio Onnipotente dando un Fondamento Solido per essere un dio minore e per essere la Parola di Dio sulla terra, per cui la Lampada di Dio sulla Terra che è l’Unione tra Cielo e Terra.
IL RIFERIMENTO AL MESSIA, è proprio da questo aspetto che possiamo partire da questo per ricostruire questo aspetto simbolico della Pietra. Una Volta riconosciuto chi è il Figlio dell’Iddio Altissimo, donandogli i Nomi e le Autorità che Dio Voleva il Figlio diviene la Chiave di Volta rappresentata nelle Profezie come La Pietra che unisce così Cielo e Terra tramite il Padre Celeste Il Figlio è L’unione e la Guida del Regno, la Vera e Nuova Gerusalemme ed anche La grande Folla Dio è l’unione con il Figlio, ed il Figlio è vero Messia, con scelta davanti a Dio per l’unificazione della Sapienza per eliminare chi si presenta al suo posto come falso Messia.
A che cosa allude la Scala di Giacobbe agli Angeli dell’Iddio Altissimo che salgono e scendono da Dio ed il Figlio, la fine dei nomi degli angeli predicono il nome del figli i nomi sono al Femminile per ricoprire al Maschile chi è il Figlio El’Yah o Yah’El, , l'Elia El'Yah negli Ultimi Giorni con al venuta del Re Eterno Yah'El, diminutivi del Tetragramma YHWH di Dio al Figlio questo ne spiega in Ezechieleil Rapporto Che Dio ha con il Figlio; Chokhmà = Sapienza È il lampo dell'intuizione che illumina l'intelletto, è il punto in cui il super-conscio tocca il cosciente. È il seme dell'idea, il pensiero interiore, i cui dettagli non sono ancora differenziati. È la capacità di sopportare il paradosso, di pensare non in modo lineare ma simultaneo. Si tratta di uno stato raggiungibile solo a tratti, e comunque richiede una grande maturità ed esperienza. È lo stato del "non giudizio", in quanto con la sapienza si percepisce come la verità abbia sempre aspetti. Nel corpo umano corrisponde all'emisfero cerebrale destro. Nel servizio dell'anima corrisponde allo stato di Bitul = Nullificazione del sé. In altri termini, è possibile raggiungere la sapienza solo tramite l'annullamento dell'ego separato e separatore.
Binà = Intelligenza.
E’ il prendere forma dell'idea o del concetto concepito da Chokhmà. Si tratta della sede del pensiero logico, razionale, matematico, sia nella sua forma astratta e speculativa che in quella concreta e applicata. È quella forma di pensiero che si appoggia alle parole, è può venire scambiato e condiviso tramite il linguaggio. Binà è la capacità di integrare nella propria personalità concetti e idee diverse, assimilandole e ponendole in comunicazione. Se Binà funziona a dovere, il pensiero diventa in grado di influenzare positivamente le proprie emozioni, in virtù delle verità comprese e integrate nella propria personalità. Nel corpo umano Binà corrisponde all'emisfero cerebrale sinistro. Ai suoi livelli più evoluti, Binà convoglia l'esperienza della Felicità, il trasformarsi delle giuste conoscenze intellettuali nella gioia di chi sente di avere trovato le risposte.
Da'at = Conoscenza unificante. Poiché Keter è troppo elevata e sublime per venire conosciuta e contata, il suo posto viene preso da un'undicesima Sefirà, posta più in basso, tra il livello di Chokhmà - Binà e quello di Tiferet. Essa permette l'unificazione dei due modi di pensare tipici degli emisferi cerebrali destro e sinistro: intuizione e logica. Da'at è l'origine della capacità di unificare ogni coppia di opposti. Spiritualmente parlando, essa è la produttrice del seme umano che viene trasmesso durante il rapporto sessuale. Nel corpo umano corrisponde alla parte centrale del cervello e al cervelletto. Nel Chasidismo essa diventa la facoltà dello Yichud,Unione.
Con questo ragionamento è divenuto la chiave di Volta o Pietra angolare che per la Falsità e chi riveste ciò che è Falso anche il ruolo messianico è condannato alla distruzione eterna, Dio è l’unico che la creato sotto il cieli e nessun uomo o altro può mettersi contro alla decisione di Dio sul Vero Messia.
L'acqua dalla Roccia richiama il popolo eletto nella sua tribolazione profetico 


12.) Molti sono stati fatti uscire dall'errore, sono stati preceduti fino ai luoghi a loro propri, da cui si erano allontanati e ricevendo l'errore a causa della profondità di Colui che circonda ogni luogo,( senza che cosa alcuna lo circondi. Gran meraviglia che essi fossero nel Padre senza conoscerlo e che abbiano avuto la possibilità di uscire fuori da soli, non potendo comprendere e conoscere Colui nel quale si trovavano! Così era, perché la sua volontà non si era ancora rivelata fuori di lui. Egli l'ha manifestata a favore di una conoscenza in cui convengono tutte le sue emanazioni non sono lettere e segni tali che, leggendoli, uno possa pensare a qualcosa di vano, ma sono le lettere della Verità: chi le pronuncia riconosce se stesso. Ciascuna lettera è verità assoluta, ed è un libro perfetto, poiché si tratta di segni scritti dall'Uno. Li ha scritti il Padre, affinché gli eoni, per mezzo di queste sue lettere, conoscessero il Padre.


14.) La sua Sapienza ha meditato il Verbo come? mettendo nella mente e nel cuore il pensiero di Dio come Eletto e quindi per essere la Parola di Dio sulla Terra.La Sapienza di Dio lo ha preferito per salvare l'umanita. La sua Conoscenza lo ha rivelato. La sua compiacenza si è posata su di lui come corona. La sua gioia si è unita a lui. La sua gloria lo ha esaltato. La sua somiglianza lo ha reso noto. Il suo Riposo lo ha ricevuto in sé. Il suo amore si è incarnato in lui. La sua fiducia lo ha circondato. Così il Verbo del Padre procede dentro il Tutto, frutto del suo cuore ed espressione della sua volontà. Ed egli sostiene il Tutto, lo sceglie, ed anzi rende l'immagine del Tutto, purificandolo e promuovendone i ritorno al Padre e alla Madre, egli E' El'Yah - Yah'El Profeta e Re Eterno dall'infinita durezza e gentilezza. Il Padre mostra il suo seno, e il suo seno è lo Spirito Santo "Spirito Santo" è רוח הקודש"ruah haQodesh"Per la Religione ebraica con tale termine viene indicata la Potenza divina che può riempire gli uomini, ad esempio i profeti, Santi e Re Sacerdoti ma in prima assoluta è il Figlio dell'Uomo che riceve la Conoscenza di tutte le sue Vite Vissute, e il Pensiero di Dio sulla Terra la Parola come dio minore. Egli rivela ciò che di se stesso era nascosto - ciò che di Lui era nascosto è suo Figlio - di modo che, grazie alla sua misericordia, gli eoni possono non possono conoscerlo e cessare di tormentarsi nella ricerca del Padre, trovando riposo il Lui, sapendo che Egli è il Riposo.

15.)  Egli ne ha Nascosto il Figlio ma secondo la scuola di Pensiero dell'Insegnamento Salomonico di poter camminare nella Valle della Profonda Ombra con la Luce della Vera Sapienza di Dio, non secondo una dottrina umana la figura ma nella vita reale di ogni giorno è la lampada che illumina nel mondo solo secondo Volere Divino nella Sapienza di Dio. La Valle della Profonda Ombra è il Sistema di cose in cui vive il Figlio dell'Uomo il vecchio sistema di cose di questo mondo, che ad essa era soggetto. Infatti, nel luogo in cui c'è invidia e disaccordo, là c'è deficienza, l'imperfezione; mentre nel luogo in cui c'è unità, là c'è perfezione parte nei Nuovi Cieli e Nuova Terra. Siccome la deficienza è venuta nell'esistenza perché non si conosceva il Padre, così, appena si conoscerà col Padre il Figlio nel 5756-1996 al Suggellamento del Figlio poi dopo 3 giorni riceve il Pensiero di Dio nella Mente e nel Cuore così all'istante la deficienza scomparirà. Proprio come nel caso dell'ignoranza del dell'Ultimo dei 144.000 diviene il Primo per Ristrutturare la Nuova Gerusalemme e farla divenire Impero Messianico: appena egli viene e matura nella conoscenza-intendimento-discernimento e Capacità di Pensare ma il tutto deve essere ricercato come un tesoro nascosto con un criterio di studio che porta ad avere Timore di Dio allora si Dio fa una promessa e dice tu cerca il tutto come ti ho detto allora si che troverai la medesima Sapienza di Dio l'esperienza è Mistica poi rivolgiti a Mio figlio il Diletto per avere la certezza e darti il giusto intendimento Sapienziale per far capire, che la tua ignoranza si disperde non da sola ma con l'insegnamento, come si dissipano le tenebre quando appare la luce: così anche l'Imperfezione viene meno a causa della perfezione con il Tiqqun 1 Figlioli, ascoltate l'istruzione di un padre,state attenti a imparare il discernimento;2 perché io vi do la Sapienza che è il Primo Principio; non abbandonate il mio insegnamento.3 Quand'ero ancora bambino presso mio padre,tenero e unico presso mia madre,
4 egli mi insegnava dicendomi:«Il tuo cuore conservi le mie parole;osserva i miei comandamenti e vivrai;5 acquista saggezza, acquista intelligenza;non dimenticare le parole della mia bocca e non te ne sviare;6 non abbandonare la saggezza,
ed essa ti custodirà;amala, ed essa ti proteggerà;7 il principio della Sapienza è:
Acquista la saggezza;sì, a costo di quanto possiedi, acquista l'intelligenza;8 esaltala, ed essa t'innalzerà;essa ti coprirà di gloria quando l'avrai abbracciata;9 essa ti metterà sul capo un fregio di grazia,ti farà dono di una corona di gloria».
10 Ascolta, figlio mio, ricevi le mie parole,e anni di vita ti saranno moltiplicati.
 
Di conseguenza, dunque, la figura non si mostrerà più, ma sparirà nella fusione dell'unità. Pertanto le loro azioni si presentano simili l'una all'altra. Ciò accadrà nel momento in cui l'unità perfezionerà il luoghi. Per mezzo dell'unità ognuno ritroverà se stesso. Per mezzo non della gnosi ma del progresso spirituale che vi porta vicino Dio con ciascuno purificherà se stesso dalla diversità all'unità, consumando la materia dentro se stesso, come un fuoco: le tenebre per mezzo della luce, la morte per mezzo della vita.La via è stretta ancora per poco poi si entrerà in Nuovi Cieli e Nuova Terra.


16.) Se dunque queste cose sono successe a ciascuno di noi, è necessario che noi provvediamo prima di tutto il nome Y-H-W-H Yah'El a cui viene dato in compito di Suggellare in Spirito MASHIACH UNTO DA DIO poi per l'unto di Dio parte del Regno che è impero con il Regale Sacerdozio In nome che Viene Dato nel sassolino bianco sia santificato e rieletto per la Nuova Gerusalemme perché alcuni ma non pochi hanno seguito, il nemico del Messia che tenta di soppiantarlo, ma che dal Messia sarà annientato nel suo ritorno trionfale alla fine dei tempi già si sono scontrati dopo il Suggellamento del Vero Messia al 7 giorno del 5756 all'apertura dell'Apocalisse di Giovanni Geremia Isaia e con questo da il Primo Colpo. Come di persone che hanno lasciato un luogo dove possedevano, in qualche angolo, vasi che non erano buoni, e questi sono stati spaccati, tuttavia il padrone di casa non soffre per la perdita anzi ne è lieto: invece di quei brutti vasi, vi sono quelli pieni che divengono perfetti. Tale è il giudizio che viene dall'alto e che ha giudicato ognuno: una spada sguainata, a doppio taglio, che recide da una parte e dall'altra. Quando è apparso il Verbo, che è nel cuore di coloro che lo hanno scelto, e non era soltanto un suono, ma aveva preso un corpo, una grande confusione avvenne tra i vasi: alcuni erano stati svuotati, altri riempiti, perché, ecco: alcuni erano lì pronti, altri rovesciati; alcuni furono purificati, altri fatti a pezzi. Tutti i luoghi furono scossi e sconvolti e non ebbero né consistenza né saldezza. Quando si è sotto Ispirazione di Dio specialmente il Verbo agisce in con la Sapienza di Dio perché la nomina ha la Sapienza come Azione e Sapere cosa stai facendo e il Messia agisce non secondo Ignoranza ne col dubbio di giudicare nell'errore perché è il Verbo il Verbo di Dio sulla Terra con il Suo pensiero nella Mente e nel Cuore per portare il Regno alla Giustizia ma non umana la Giustizia di Dio nella Sapienza dell'Onnipotente 

17.) La Verità si è fatta avanti ma il punto di domanda è quale verità cerchiamo quella di una religione pur grande che sia ha sempre delle dottrine che sono falsate e apostatate quindi quella verità a Dio non interessa ma la Verità di Dio non è irraggiungibile ma ha un suo percorso? Tutte le emanazioni la hanno conosciuta. Esse hanno veracemente salutato il Padre, con una potenza perfetta che le unisce a Lui. Ognuno infatti ama la verità, perché la verità è la bocca del Padre e la sua lingua è lo Spirito Santo, il quale congiunge ciascuno alla Verità alla Ricerca almeno del Primo Principio la Sapienza come acquistarla,4se la ricercherai come l’argento e per averla scaverai come per i tesori,allora comprenderai il timore (Isaia5io concederò nella mia casa e dentro le mie mura un monumento e un nome più prezioso che figli e figlie;darò loro un nome eterno che non sarà mai cancellato Apocalisse   12Il vincitore lo porrò come una colonna nel tempio del mio Dio e non ne uscirà mai più. Inciderò su di lui il nome del mio Dio e il nome della città del mio Dio, della nuova Gerusalemme che discende dal cielo, dal mio Dio, insieme al mio nome nuovo)del Signore e troverai la conoscenza di Dio ma non è solo quello il Progresso quando crescete un Figlio gli date solo latte come voi stessi non siete cresciuti con in latte ma ad un certo punto desiderate il cibo solido così è il vostro progresso 1Corinzi 13:11Quando ero bambino, parlavo da bambino, pensavo da bambino, ragionavo da bambino; ma quando sono diventato uomo, ho smesso le cose da bambino.Non è l'età che ci fa uomini veri ma solo in parte la spiritualità 5 Acquista la sapienza, acquista l'intelligenza; non dimenticare le parole della mia bocca e non allontanartene mai.6 Non abbandonarla ed essa ti custodirà,amala e veglierà su di te.7 Principio della sapienza: acquista la sapienza;a costo di tutto ciò che possiedi acquista l'intelligenza.8 Stimala ed essa ti esalterà,sarà la tua gloria, se l'abbraccerai. 
18.) Questa è la manifestazione e la rivelazione del Padre all'Eletto e agli Eletti e la grande folla come? nella Via della sapienza non dalla falsità perché falsità per Dio è pensare umanamente ed evitare la vera spiritualità: Egli ha rivelato ciò che di sé era nascosto e l'ha spiegato. Chi è infatti colui che esiste, se non il Padre solo il Figlio gli Eletti della Nuova Gerusalemme? 
Tutti i luoghi sono sue emanazioni. Essi hanno conosciuto che sono usciti da Lui. Prima essi lo conoscevano come figli in un uomo perfetto, perché non avevano ancora ricevuto una forma né avevano ancora ricevuto un nome che questo nome viene dato al Messia e all'Unto ma le cariche formano ruoli diversi e d il messia riceve di Più anche se l'unzione è la stessa di una persona prescelta da Dioche il Padre produce per ciascuno. Lo conoscono allorché ricevono una forma dalla Sapienza di Dio. Invece il Padre è perfetto e conosce ogni cosa che è in se. Egli, se vuole, manifesta chi vuole, dandogli una forma e dandogli un nome. Egli dà un nome e fa' entrare nell'esistenza coloro che prima dell'esistenza erano ignoranti di chi li aveva prodotti. Certamente non dico che siano un niente coloro che ancora non sono entrati nella esistenza: essi si trovano in Colui che vorrà che esistano, quando vorrà, cioè in un tempo futuro. Prima che ogni cosa sia manifestata, Egli conosce ciò che produrrà; ma il frutto che ancora non si è manifestato all'intera umanità è in procinto di Maturare invece per chi già conosce il Figlio dell'Uomo riceve un insegnamento Sapienziale sotto volere di Dio stesso, l'unica cosa che non sa è il giorno ed ora che l'Onnipotente che è il Padre si manifesterà al Mondo si sa solo per i profani che è al 50° anno di vita del Figlio sulla terra che dal Suggellamento del 5756-5775 si manifesterà per Volere di Dio e solo per questo promuovendo il Figlio come chiave di Volta nell'Universo Così, ogni cosa, che pure è nel Padre, proviene da Lui che esiste e che l'ha fatta esistere dal nulla. Chi non ha radici non ha nemmeno frutto confrontato dall'insegnamento Salomonico il primo è l'Eletto che riceve dal Padre la Sapienza allora uno come il Messia può vivere nell'ignoranza di essere chi E'. Chokhmà = Sapienza È il lampo dell'intuizione che illumina l'intelletto, è il punto in cui il super-conscio tocca il cosciente. È il seme dell'idea, il pensiero interiore, i cui dettagli non sono ancora differenziati. È la capacità di sopportare il paradosso, di pensare non in modo lineare ma simultaneo. Si tratta di uno stato raggiungibile solo a tratti, e comunque richiede una grande maturità ed esperienza. È lo stato del "non giudizio", in quanto con la sapienza si percepisce come la verità abbia sempre aspetti. Nel corpo umano corrisponde all'emisfero cerebrale destro. Nel servizio dell'anima corrisponde allo stato di Bitul = Nullificazione del sé. In altri termini, è possibile raggiungere la sapienza solo tramite l'annullamento dell'ego separato e separatore.Matteo11:19 La Sapienza è Ritenuta Giusta dalle Opere  il Figlio non potrebbe predicare ed essere la Guida delle Guida se lui stesso non avesse Sapienza giudica così dall'operato di vita per vedere ed applicare la vera Giustizia per noi stessi e per altri così egli è Vero Signore di Giustizia come profeti lo chiamano soprannomina-dolo nelle Profezie di Geremia 23:5-6;33:15-16 


20.) l'insegnamento dello Spirito per chi è terreno fertile nella sapienza di Dio cresce con quello che è il proprio progresso dando il 30 - 60 - 100 stando svegli nell'insegnamento del Figlio perché egli E' la Lampada hai piedi dell' Iddio Altissimo nell'ignoranza resta lo Stupido la Sapienza di Dio è il vero insegnamento,perché così si cresce rapidamente; quando l'ha fatto risorgere: ha steso la mano a chi giaceva per terra ed ha rimesso sui suoi piedi quello che ancora non si era rialzato. A costoro ha dato la possibilità di apprendere la conoscenza l'intendimento il discernimento e la capacità di pensare nella Sapienza del Padre, e la rivelazione del Figlio. Perché quando essi hanno veduto e udito costui, il Padre ha permesso loro di gustare se stesso, di sentirne il profumo, di toccare il Figlio diletto che lui ha mandato sulla terra.


21.) Dopo che egli fu apparso al suggellamento del 5756 per essere nominato da Dio stesso sulla terra, l'incomprensibile, dopo che ebbe soffiato in lui il ciò che è nel Pensiero nella Mente e Nel Cuore, eseguendone il volere, dopo che molti ebbero ricevuto la luce, alcuni si rivolsero contro di lui con a capo l'anticristo che lo provocò all'inizio  del Millennio che parte la Mezza notte del 5756 dopo il Suggellamento dgli Ultimi giorni che la Venuta del Era e del Regno Messianico, perché erano estranei e non vedevano la sua immagine. Gli uomini testimoni del Suggellamento del Messia avevano capito che egli si era il Figlio di Dio presentato sotto una somiglianza di carne, a cui nessuno poteva impedire il cammino, essendo dotato di incorruttibilità e incoercibilità, 1. Non coercibile, che non può essere compresso; detto in passato dei gas che si riteneva non si potessero liquefare per quanto compressi, e anche di alcune entità fisiche come il calore, l’elettricità, il magnetismo. In medicina, ernia i., l’ernia non più riducibile per l’eccessivo volume dei visceri in essa contenuti. 
2. Più com. in senso fig., che non può essere costretto, represso, frenato: impetoimpulsovitalità i.; un i.bisogno di gridareun idesiderio di libertà. Avv. incoercibilménte, in modo da non poter essere represso, frenato o distrutto: la rabbia lo spingeva incoercibilmente a gridare.Così facendo poteva fare questo Proverbi 1 Proverbi 2 1-10 confronto Sami 2:11 Servite il SIGNORE con timore,e gioite con tremore.12 Rendete omaggio al figlio,affinché il SIGNORE non si adiri e voi non periate nella vostra via,perché improvvisa l'ira sua potrebbe divampare.
Beati tutti quelli che confidano in lui!


22.) Insegnando dunque cose nuove, col proferire ciò che è nel cuore del Padre, egli ha pronunciato la parola senza imperfezioni con Sapienza di Dio. Dalla sua bocca ha parlato la Luce e la sua voce ha generato la vita. Egli ha dato loro pensiero e intelletto nel Cuore e nella Mente, misericordia e salvezza, e il potere di uno spirito proveniente dall'infinità e bontà del Padre. Ha fatto cessare punizioni e tormenti - perché erano questi che distoglievano da Lui molti, bisognosi di misericordia, verso l'errore e le catene - e con potenza li ha debellati e li ha coperti di vergogna per mezzo della Sapienza nell'Insegnamento del Padre Eterno, Egli ha rimosso Unti alcuni credono di passare ma resteranno qui in attesa di Pentimento altri verranno distrutti senza più Resurrezione la seconda Morte verranno anche dimenticati. Egli è la via che ha tacciato per arrivare al Padre per quelli che errano ancora passeranno come grande Folla come Eletti ma per chi ha tradito sarà distrutto nella seconda morte insieme all'anima, conoscenza per quelli che anno apostatato causandone un colpo di stato al Regno Messianico verrà ed al Vero Intendimento della Venuta del Messia con tempi diversi e persone diverse Dio sa chi ha mandato e sa chi è il suo Messia altri non saranno ben accetti ma distrutti nella loro falsità nella seconda Morte ma la scoperta per quelli che cercavano, sostegno per quelli che vacillavano, purezza per quelli che erano contaminati nell'imperfezione verrà la Correzione del TIQQUN che solo Dio Può dare. 


23.) Egli è il pastore che ha lasciato i Cieli per Nominare il Figlio e dargli la Vita Eterna sulla Terra rivelandogli il Nome che è legato al Tetragramma Y-H-W-H creandolo Signore di Giustizia e Manna Nascosta ma non perduta  sulla Terra Apocalisse 2:17. E quando l'ha trovata ne ha gioito rivelandogli chi è e che quell'uomo che abbandonò i Cieli affianco al Padre come Principe Metatron sulla terra diviene Messia e Re Eterno dio Minore per volere dell'Iddio stesso con il vero nome da lui assegnato all'Unzione Esodo 21:23 Y-H-W-H ; perché il novantanove è un numero contenuto nella mano sinistra, che lo conteggia, ma appena è stato trovato l'uno, l'intero numero passa alla destra L'ultimo che diviene il Primo, l'Ultimo dei 144.000 diviene il Primo nel 5756 col tradimento dell'anticristo che è nei 144.000 alcune tribù diminuiscono per il tradimento commesso verso Dio stesso Il Regno ed il Figlio dell'Uomo l'anticristo viene colpito a Morte al primo incontro per avere in seguito la condanna la Nuova Gerusalemme con a Capo il Re dei Re ristabilisce L'unto di Dio con altri che verranno prescelti e suggellati di Fronte a Dio con il Nome scritto sulle loro Fronti il Name di Dio con il nome del Figlio, così si attira ciò che è mancante: lo prende dalla sinistra e lo passa alla destra,e la trasformazione avviene con il Nome scritto sulle loro Fronti come profetizzato per la Nuova Gerusalemme ridando Credibilità al Regno come Impero Regale e Sacerdotale. 

24.) Con il suono della loro voce esse indicano il Padre "«Figlio d'uomo, àlzati in piedi, io ti parlerò». 2 Mentre egli mi parlava, lo Spirito entrò in me e mi fece alzare in piedi; io udii colui che mi parlava.
3 Egli mi disse: «Figlio d'uomo, io ti mando ai figli d'Israele, a nazioni ribelli, che si sono ribellate a me; essi e i loro padri si sono rivoltati contro di me fino a questo giorno. 4 A questi figli dalla faccia dura e dal cuore ostinato io ti mando. Tu dirai loro: "Così parla il Signore, DIO". 5 Sia che ti ascoltino o non ti ascoltino, poiché sono una casa ribelle, essi sapranno che c'è un profeta in mezzo a loro.6 Tu, figlio d'uomo, non aver paura di loro, né delle loro parole, poiché tu stai in mezzo a ortiche e spine, abiti fra gli scorpioni; non aver paura delle loro parole, non ti sgomentare davanti a loro, poiché sono una famiglia di ribelli. 7 Ma tu riferirai loro le mie parole, sia che ti ascoltino o non ti ascoltino, poiché sono ribelli. 8 Tu, figlio d'uomo, ascolta ciò che ti dico; non essere ribelle come questa famiglia di ribelli; apri la bocca e mangia ciò che ti do».
9 Io guardai, ed ecco una mano stava stesa verso di me, la quale teneva il rotolo di un libro; 10 lo srotolò davanti a me; era scritto di dentro e di fuori, e conteneva lamentazioni, gemiti e guai".1 Il trentesimo anno del Figlio dell'Uomo, commemorazione L'Unzione - Mashach significa: "Ungere" è l'atto che è riconosciuto anche nelle Bibbie che in passato veniva fatta su determinate persone che sono gli Eletti del Regno sulla terra nei nostri giorni e segnando così l'Era Messianica.   mentre mi trovavo presso il fiume Chebar è un simbolismo Profetico, è il rotolo che il Figlio mangia nel appena vede in visione il Padre negli Ultimi Giorni, 1 Egli mi disse: «Figlio d'uomo, mangia ciò che trovi; mangia questo rotolo, e va' e parla alla casa d'Israele».
2 Io aprii la bocca, ed egli mi fece mangiare quel rotolo.
3 Mi disse: «Figlio d'uomo, nùtriti il ventre e riempiti le viscere di questo rotolo che ti do».
Io lo mangiai, e in bocca mi fu dolce come del miele.divenendo così la Parola Profetica di Dio in mezzo alla falsa Religione, fra i deportati, i cieli si aprirono, e io ebbi delle visioni divine. 2 Il quinto giorno del mese (era il quinto anno della deportazione del re Ioiachin), 3 la parola del SIGNORE fu rivolta al sacerdote Ezechiele, figlio di Buzi, nel paese dei Caldei, presso il fiume Chebar; in quel luogo la mano del SIGNORE fu sopra di lui.Poi la visione del Padre stesso alla Rivelazione del Figlio nel Faccia a Faccia"tempio, luogo sacro"; significa quindi "colui che si trova davanti al tempio" (e non vi può entrare in quanto non iniziato).il Libro di Enoch, il quale però è ritenuto canonico dalla Chiesa Cristiana Copta. Secondo l'Apocalisse di Enoch, Metatron (ebraico מטטרון o מיטטרון) è un angelo in origine; era proprio il patriarca Enoch, bisnonno di Noè, il quale sarebbe stato portato, ancora in vita, nel Regno dei Cieli da Dio stesso e trasformato da quest'ultimo nell'angelo Metatron. Come il Messia negli Negli Ultimi Giorni è Entrato nel Tempio di Dio nei Cieli all'inizio del Millennio tu porterai il Firmamento nel tuo Cuore come il Profeta Ezechiele predice il Capitolo 1 versetti Visione della gloria dell'Eterno nel momento che il Figlio dell'Uomo accetta nella pienezza il suo Suggellamento davanti al Padre Celeste l'apocalisse di Giovanni prende Vita Apocalisse 4:1-11. 210 Giorni per aprire l'apocalisse Messianica di Giovanni con l'ordine dell'Iddio Vivente dal Suggellamento del Figlio in Italia nel 5756-un addestramento mili-tense di 4 livelli ripetuto due volte ed in 20 sino arrivare al 50 anno del Figlio dell'Uomo dove il Padre si prostrerà all'umanità per il Tiqqun giorno di Giudizio.


25.) Parlate dunque, dal vostro cuore, perché siete voi questo giorno perfetto e in voi dimora la luce che non ha fine. Parlate della verità ma quale Verità cercate quella Umana o quella di Dio 20 La saggezza grida per le vie,fa udire la sua voce per le piazze;
21 negli incroci affollati essa chiama,all'ingresso delle porte, in città,pronuncia i suoi discorsi:22 «Fino a quando, ingenui, amerete l'ingenuità?
Fino a quando gli schernitori prenderanno gusto a schernire e gli stolti avranno in odio la sapienza di Dio?
23 Volgetevi ad ascoltare la mia correzione; ecco, io farò sgorgare su di voi il mio Spirito,vi farò conoscere le mie parole.
24 Poiché, quand'ho chiamato avete rifiutato d'ascoltare, quand'ho steso la mano nessuno vi ha badato,25 anzi avete respinto ogni mio consiglio e della mia correzione non ne avete voluto sapere, 26 anch'io riderò delle vostre sventure, mi farò beffe quando lo spavento vi piomberà addosso;27 quando lo spavento vi piomberà addosso come una tempesta,quando la sventura v'investirà come un uragano
e vi cadranno addosso l'afflizione e l'angoscia confronto .Vedere Distintamente, Distinguere, Capire e Distinguere affermare, riconoscere
Capire comprendere intendere, Distinguere è differenziare, sceverare – discernere distinguere ha assunto questo significato separare il nostro studio è basato sul progresso spirituale che porta alla Sapienza di Dio stesso con un ordine Il Latte è conoscenza, parte dell’intendimento, discernimento capacità di pensare ma come arriviamo a questa se di per sé non abbiamo discernimento? a quelli che la cercano e della conoscenza ed il Messia è l'esempio che Unisce Cieli e Terra  che non può essere costretto, represso, frenato ma chi a quelli che nel loro errore perseverano in esso saranno giudicati . Vedere Distintamente ma con il Pensiero della Sapienza,Voi, Eletti dunque, fate la volontà del Padre che gli appartenete, il Messia non lo si può fermare perché la Sua Vita è scritta sulla Profezia il Suo pensiero è Profezia il suo io è Profezia nella Mente e nel cuore ha il pensiero di Dio. Il Padre è amorevole e ciò che procede dalla sua volontà ma la sua Volontà è Giustizia Universale ed il figlio diviene la Chiave di Volta Universale per Nuovi Cieli e Nuova terra e per regnare sulla Nuova Gerusalemme.

26.) I figli sono la Nuova Gerusalemme Unta da Dio dal Figlio , sono essi la sua fragranza, e la manifesta in ogni luogo fin quando non verranno e troveranno il Figlio. Essi sono la Manna Nascosta, Egli affida la propria fragranza alla luce e la fa sollevare nel suo Silenzio, al di sopra di ogni forma e di ogni rumore. Ma la vera Lampada ai Piedi di Dio è il Messia che porta il Nome del Padre Y-H-W-H, è lo Spirito Santo che lo attira in se stesso e lo immerge nella fragranza del Padre nella Mente e Nel Cuore. Lo riconduce dunque in porto, lo rimena al luogo di dove è uscito, alla nostra fragranza originale nella Sapienza di Dio. Essa è una scuola di Vita nella sapienza di Dio; è come acqua fredda quando è in piena ispirazione sia Profetica che come Figlio dell'Uomo avendo il Pensiero di Dio nella Mente e nel Cuore Cammina sempre sotto ispirazione Sapienziale perché ha già ricevuto la Sapienza di Dio e la sua Vita è scritta per essere vissuta passo passo nella profezia che il Padre Eterno gli ha Tracciato.

27.) Per questo è venuta la Fede. Abolita la separazione, ma l'unità del pensiero perfetto che il Messia ha già nell'Imperfezione ne nella Da'at = Sapienza unificante. Poiché Keter è troppo elevata e sublime per venire conosciuta e contata, il suo posto viene preso da un'undicesima Sefirà, posta più in basso, tra il livello di Chokhmà - Binà e quello di Tiferet. Essa permette l'unificazione dei due modi di pensare tipici degli emisferi cerebrali destro e sinistro: intuizione e logica. Da'at è l'origine della capacità di unificare ogni coppia di opposti. Spiritualmente parlando, essa è la produttrice del seme umano che viene trasmesso durante il rapporto sessuale. Nel corpo umano corrisponde alla parte centrale del cervello e al cervelletto. Nel Chasidismo essa diventa la facoltà dello Yichud,Unione.
Con questo ragionamento è divenuto la chiave di Volta o Pietra angolare che per la Falsità e chi riveste ciò che è Falso anche il ruolo messianico è condannato alla distruzione eterna, Dio è l’unico che la creato sotto il cieli e nessun uomo o altro può mettersi contro alla decisione di Dio sul Vero Messia. E questo che rivela ciò che Dio farà viene dal Tiqqun di Dio Per tiqqun s'intende quindi la rettificazione spirituale (Ritorno alla perfezione nella Sapienza di Vita, anche intesa come apporto di abbondanza spirituale al  mondo, accrescimento della prosperità con la rettificazione del peccato originale al modo di pensare che porta l'uomo ad una distruzione e non veramente a Vivere a ma credere di vivere nel vero libero arbitrio e che di Dio ne possiamo fare a meno anzi che Dio non esiste è un modo di vivere sbagliato imperfetto perché manca di Sapienza Divina, Adamo ed Eva, la rettificazione spirituale quindi l'abbandono dell'imperfezione e il ritrovo della perfezione senza più peccato quindi errore.
La Sapienza è Ritenuta Giusta dalle Opere.

28.)  infatti la profondità del Padre si è estesa e con Lui non c'era il pensiero dell'errore. La deficienza è una cosa debole è l'errore, una cosa nell'inerzia
  1. Condizione, temporanea o abituale, d'immobilità o inattività ( esser condannato all'i. dalla malattia ) o di sconcertante abbandono fisico e spirituale ( vivere nell'i. ).
  2. In fisica, la tendenza di un corpo a conservare il suo stato di quiete, di moto rettilineo uniforme o di rotazione uniforme attorno a un asse, se la risultante delle forze agenti sul corpo e la risultante dei loro momenti sono nulle ( principio di individuale).
  3. Ma è anche essere uniforme nel Falso Insegnamento porta però la Distruzione come essre Uniforme alla Sapienza Divina porta la Vita ererna 




che si leva quando trova ciò' chi?:
 giunto da Colui che vuole ripristinare la Verità che è Sapienza di Dio dallo stato precedente tra Imperfezione Falsità Chiamata Apostasia o Vero Insegnamento che solo Il Padre Insegna al Figlio ed il Figlio insegna a chi lo ascolta. Questo è la vera , infatti, si chiama conversione. Perciò l'incorruttibilità è emanata fuori. Essa ha seguito colui che aveva peccato, perché egli possa trovare la Quiete. Il perdono è appunto ciò che rimane per la luce, nella deficienza: è la parola della pienezza.

Camminate per la strada stretta che conduce alla Vita eterna perché chi cammina nei sette peccati capitali ed il Tradimento al Messia cercando di emettere un colpo di stato ad armagheedon verrà distrutto; ma veroMessia il cui nome è sul Tetragramma Y-H-W-H viene conduce l'umanità che lo segue alla Vita Eterna


fonte https://sites.google.com/site/www144000it/hot-news-1/ilvangelodellaverita